NEWS

Via D’Amelio: non è storia, è ancora attualità

Rino Giacalone . in Corruzione, Criminalità, Giustizia, Istituzioni, Mafie, Memoria, Sicilia, Società

Trent’anni dalla strage mafiosa di via D’Amelio e inseguiamo i misteri mentre nulla cambia L’ottimo e attento Salvo Palazzolo lo ha scritto nel suo ultimo libro, quello dedicato ai famigerati fratelli Graviano, “la cappa di Brancaccio” come li indicava pubblicamente quel sacerdote, don Pino Puglisi, fatto Santo dalla stessa Chiesa che però al processo per […]

Dichiarazione del Presidente Mattarella nel 30° anniversario della strage di via D’Amelio

Quirinale, Ufficio Stampa e Comunicazione . in Brevi, Istituzioni, Mafie, Memoria, Sicilia

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per il trentesimo anniversario della Strage di via D’Amelio, ha rilasciato la seguente dichiarazione: «Paolo Borsellino, come Giovanni Falcone e altri magistrati, fu ucciso dalla mafia perché, con professionalità, rigore e determinazione, le aveva inferto un colpo durissimo, disvelandone la struttura organizzativa e l’attività criminale. La mafia li temeva […]

La storia dell’albero Falcone-Borsellino di Milano

Giuseppe Teri * . in Associazioni, Cultura, Giovani, Lombardia, Mafie, Memoria, Politica, Società

In via Benedetto Marcello, nei giardini che portano il nome dei magistrati, di fronte al liceo Volta, l’albero Falcone-Borsellino ricorda le vittime delle stragi di Capaci e via d’Amelio. I loro nomi memoria collettiva: Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, Francesca Morvillo, Vito Schifani, Rocco Dicillo, Antonio Montinaro, Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter […]

La Rai per il 30° anniversario della strage di via D’Amelio

Ufficio Stampa Rai . in Brevi, Cultura, Informazione, Mafie, Memoria, Sicilia

La programmazione dedicata Era l’estate del 1992. Cinquantasette giorni dopo l’uccisione di Giovanni Falcone, un altro attentato di stampo mafioso: un’autobomba con 50 chili di tritolo esplode il 19 luglio in via D’Amelio, muoiono il giudice del pool antimafia Paolo Borsellino e i cinque membri della scorta Emanuela Loi, Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli, Walter […]

“La mafia è ancora in grado di ricattare lo Stato”

Rossella Guadagnini . in Corruzione, Giustizia, Mafie, Memoria, Politica, Società

Via d’Amelio trent’anni dopo, parla il fratello del giudice Paolo, Salvatore Borsellino: “Non c’è ancora una giustizia vera. I segreti inconfessabili vanno mantenuti a tutti i costi. La sentenza di martedì 12 luglio non cambia niente. Serve un’inchiesta sulla scomparsa dell’Agenda Rossa, scatola nera della strage” “Sono venuto soprattutto per ascoltare perché ritengo che, mai […]

Per chi era pericoloso Paolo Borsellino nel luglio del 1992? Non solo per i mafiosi patentati

Davide Mattiello . in Corruzione, Istituzioni, Mafie, Memoria, Politica

18Un uomo che aveva detto di avere visto la “mafia in diretta”, un uomo che per 57 giorni nessuno a Caltanissetta chiamerà a testimoniare sui fatti di Capaci, un uomo a cui il suo “capo”, l’allora Procuratore di Palermo, dimenticò di dire che il tritolo per farlo saltare in aria era già arrivato in città, […]

“Cose nostre” ricorda Paolo Borsellino

Ufficio Stampa Rai . in Brevi, Informazione, Mafie, Memoria, Sicilia

Le parole e la figura del magistrato antimafia In occasione del trentesimo anniversario della strage di via D’Amelio, lunedì 18 luglio, intorno alle 23 su Rai 1 “Cose Nostre”, il programma ideato e condotto da Emilia Brandi che si occupa di storie di criminalità organizzata, dedica una puntata alla storia di Paolo Borsellino, il magistrato ucciso il 19 […]

Premio Morrione

Premio Morrione Finanzia la realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale. Si rivolge a giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell’informazione.

leggi

LaViaLibera

logo Un nuovo progetto editoriale e un bimestrale di Libera e Gruppo Abele, LaViaLibera eredita l'esperienza del mensile Narcomafie, fondato nel 1993 dopo le stragi di Capaci e via D'Amelio.

Vai

Articolo 21

Articolo 21: giornalisti, giuristi, economisti che si propongono di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero (oggetto dell’Articolo 21 della Costituzione italiana da cui il nome).

Vai

I link