NEWS

Votare o non votare?

Rocco Artifoni il . Costituzione, Diritti, Istituzioni, Politica, Società

Ammettiamolo. La tentazione di disertare le urne è in aumento. Per tanti motivi.

Bisognerebbe riflettere seriamente. Ma in realtà non si fa.

Nel frattempo può essere utile un appello al voto, spiegandone le ragioni?

Si potrebbe citare l’aspirazione al voto di chi è impedito da una dittatura.

Ricordare i partigiani e le partigiane che sono morti per ripristinare la democrazia, che si fonda sulla possibilità di votare i propri rappresentanti.

Oppure sottolineare che si tratta di un dovere civico e inderogabile sancito dalla Costituzione.

Il concetto di “responsabilità”, che ha la propria radice nella necessità di “dare una risposta”, dovrebbe essere utile per comprendere che il voto è un esercizio indispensabile.

Al limite si può trovare un senso nel votare scheda bianca e persino nulla, ma non recarsi alle urne è un errore evidente.

Per fare a meno di politici inadeguati è necessario eleggere candidati validi e nelle prossime elezioni si possono esprimere le preferenze, sia per le amministrative sia per le europee.

Tutto ciò può essere sensato e ragionevole, ma alla fine l’argomento più convincente resta quello che il ragionier Ugo Fantozzi (alias Paolo Villaggio) ha spiegato alla moglie: “Pina, stammi a sentire: se io sbaglio il voto questa volta va a finire che non mangiamo e non mangiate per una decina d’anni!”.

Insomma, se la politica non ti interessa, resta il fatto che la politica si occupa anche di te. Perciò è il caso di preoccuparsi e di non lasciare la decisione nelle mani e nelle matite degli altri.

Come ha ben detto Giorgio Gaber, la libertà è partecipazione, anche al voto.

*****

L’ignoranza è sovrana

Trackback dal tuo sito.

Premio Morrione

Premio Morrione Finanzia la realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale. Si rivolge a giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell’informazione.

leggi

LaViaLibera

logo Un nuovo progetto editoriale e un bimestrale di Libera e Gruppo Abele, LaViaLibera eredita l'esperienza del mensile Narcomafie, fondato nel 1993 dopo le stragi di Capaci e via D'Amelio.

Vai

Articolo 21

Articolo 21: giornalisti, giuristi, economisti che si propongono di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero (oggetto dell’Articolo 21 della Costituzione italiana da cui il nome).

Vai

I link