NEWS

Verso il (propagandistico) bilancio ferragostano del Ministro dell’Interno

Piero Innocenti il . Istituzioni, L'analisi, SIcurezza

Polizia-di-stato-arma-dei-carabinieriPrepariamoci a sentire tra un paio di settimane, come ogni anno e sempre che il Governo “tenga”, la “narrazione” ferragostana del Ministro dell’Interno – già nel 2018 svolta con particolare enfasi – sull’azione di contrasto alla criminalità e sui risultati conseguiti  dalle forze di polizia.

Anche stavolta, come allora, il bilancio sarà soddisfacente e, in effetti, lo è ma soltanto perché le tre forze di polizia ed in particolare Polizia di Stato e Carabinieri (le due forze di polizia a competenza generale) continuano a “fare miracoli” ogni giorno con le ridotte risorse umane per fronteggiare una delinquenza di strada e organizzata sempre più invadente, con un sistema processuale-penale carente ed un sistema carcerario inadeguato.

Prepariamoci, anche su quest’ultimo punto, a registrare le consuete denunce e polemiche “agostane”, relative al sovraffollamento carcerario che si rinnovano, ogni anno, da decenni, con le solite promesse della classe politica dirigente di costruire nuovi reclusori.

Il Ministro dell’Interno snocciolerà i dati sull’immigrazione via mare fortemente ridotta rispetto al passato con le ben note iniziative di “porti chiusi” e “lotta alle navi Ong complici dei trafficanti”, mentre sorvolerà sugli “sbarchi fantasma” che si registrano quasi quotidianamente, passando, poi, al contrasto allo spaccio di stupefacenti, al calo di reati denunciati in generale, al maggior coinvolgimento, già in atto, delle polizie locali nella tutela della sicurezza pubblica che si dovrebbe realizzare ancor di più con il disegno legge delega sulla riforma della Polizia locale, presentato di recente dallo stesso Ministro dell’Interno.

Nessuno, c’è da scommettere, obietterà che i reati sono in calo da almeno tre anni perché molti cittadini non vanno più a denunciarli (per vari  motivi), che quasi il 90% di quelli denunciati restano impuniti perché ignoti gli autori, mentre per il coinvolgimento del personale delle polizie locali nelle delicate funzioni di polizia di sicurezza e giudiziaria si richiede un’adeguata preparazione preventiva (e un continuo aggiornamento) che, allo stato, manca o è fortemente insufficiente.

E’ di questi giorni la pubblicazione, sul sito della Polizia di Stato, della relazione annuale redatta dalla DCSA sulle attività svolte dalle forze di polizia nel 2018 nel contrasto al narcotraffico (il record di oltre 123 tonnellate di stupefacenti sequestrati) con interessanti notazioni anche sul traffico e produzione di stupefacenti a livello mondiale. Un lavoro svolto con impegno dagli analisti della DCSA e con il contributo prezioso dei vari esperti della sicurezza italiani, dislocati in una quindicina di Paesi di interesse operativo nel contrasto al narcotraffico e ad altre forme di criminalità organizzata.

Uno scenario generale inquietante che continua, anche in questi primi sette mesi del 2019, con volumi notevoli di stupefacenti sequestrati (siamo già ad oltre 35ton di cui 17ton di hashish, 12ton di marijuana e 5ton di cocaina) e di persone denunciate (15.439) all’autorità giudiziaria per i delitti collegati (notevole sempre la componente straniera con circa il 40% sul totale delle persone denunciate che, in alcune città del nord tocca il 60%).

Trafficanti e spacciatori che non vanno in ferie, ma, anzi, si trasferiscono (o fanno i pendolari) nelle zone di villeggiatura per soddisfare celermente la domanda di droghe. Di tutte le droghe.

E questo del narcotraffico e della violenza che lo accompagna dovrebbe essere un tema di massima attenzione da parte della politica.

In questo periodo dell’anno si registrano anche più furti nelle case temporaneamente vuote. E non è piacevole rientrare dalle vacanze e trovare l’abitazione “violata”. I rinforzi di polizia e carabinieri inviati in alcune città di villeggiatura migliorano il controllo del territorio che, tuttavia, si attenua in altre zone perché aliquote di poliziotti e carabinieri vanno anche loro in ferie.

Ma già ora, sono molti gli episodi predatori e di criminalità in generale che dovrebbero sollecitare l’attenzione del Ministro dell’Interno ossessivamente rivolta a quelle due navi Ong rimaste a soccorrere migranti in mare.

Migrazioni e navi Ong: il problema non si risolve con approccio poliziesco

E’ questo il “nuovo” modello di sicurezza?

Trackback dal tuo sito.

Premio Morrione

Premio Morrione Finanzia la realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale. Si rivolge a giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell’informazione.

leggi

Narcomafie

La rivista, realizzata in collaborazione con l’associazione Libera, è stata fondata nel febbraio del 1993, all’indomani delle stragi di Capaci e di via D’Amelio

Vai

Articolo 21

Articolo 21: giornalisti, giuristi, economisti che si propongono di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero (oggetto dell’Articolo 21 della Costituzione italiana da cui il nome).

Vai

I link