NEWS

La testimonianza di don Costantino

Tonio Dell'Olio il . L'analisi, Mafie

1-3Nelle pieghe delle storie di mafia puntualmente scopri che si nasconde qualche capitolo importante che avresti dovuto conoscere e che la polvere degli scaffali della memoria hanno occultato.

Avviene così che dall’Agenzia SIR apprendo che domenica scorsa a Resuttano, in provincia di Caltanisetta, il vescovo di quella diocesi e il parroco hanno concelebrato una messa a 100 anni dall’uccisione per mano di mafia di don Costantino Stella, parroco della cittadina.

Ho cominciato così a informarmi su questo personaggio mite ma vigoroso che alla fine dell’800 aveva dato avvio a una serie di iniziative sociali a favore dei contadini e delle loro famiglie costruendo un Monte Frumentario per la distribuzione dei concimi, una Cassa rurale e tante altre cose che finirono col disarmare le attività di usura delle mafie locali e con l’irritarne i rappresentanti che decisero di farlo fuori.

Superfluo aggiungere che, come spesso avviene nel Belpaese, nessuno ha mai saputo chi furono i mandanti e gli esecutori dell’accoltellamento.

Ma a me è parsa subito una testimonianza efficace e bella non solo dell’opposizione di quel pezzo di chiesa alle mafie, ma anche la prova evidente che la povertà e la miseria sono le migliori alleate del malaffare e delle mafie.

Ed è stata intitolata a don Costantino Stella una cooperativa di giovani che intendono “rivalutare nel miglior modo gli immobili sequestrati alla mafia, e accogliere i minori, le ragazze madri, i giovani che vivono in condizioni di disagio, gli anziani sempre più soli”.

Far emergere la gente dalla condizione di bisogno, equivale a sottrarle al potere mafioso. Ieri come oggi. Dovremmo tutti tenerlo a mente.

Mosaico di Pace

Trackback dal tuo sito.

Premio Morrione

Premio Morrione Finanzia la realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale. Si rivolge a giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell’informazione.

leggi

Narcomafie

La rivista, realizzata in collaborazione con l’associazione Libera, è stata fondata nel febbraio del 1993, all’indomani delle stragi di Capaci e di via D’Amelio

Vai

Articolo 21

Articolo 21: giornalisti, giuristi, economisti che si propongono di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero (oggetto dell’Articolo 21 della Costituzione italiana da cui il nome).

Vai

I link