NEWS

Ostia, inviato di Report aggredito dal presidente di Federbalneari

Redazione il . Informazione

mottola papagniNon si fermano le minacce e le aggressioni contro i cronisti che cercano solo di fare il loro mestiere. È di oggi la notizia dell’aggressione contro l’inviato della trasmissione “Report” Giorgio Mottola da parte del presidente della Federbalneari di Ostia Renato Papagni – fratello di Paolo Riccardo Papagni, a processo con Armando Spada con l’accusa di minacce e tentata violenza privata ai danni di Federica Angeli.

Il collega di “Report”, a cui Libera Informazione esprime tutta la propria solidarietà, stava realizzando una inchiesta sugli abusi edilizi commessi sul litorale. Una volta avvicinato, Papagni, invece di rispondere alle domande e commentare le foto di un nuovo studio che esplicitavano gli illeciti commessi per una delle più importanti e grandi spiagge di Ostia, e cioè quella de “Le Dune”, ha pensato bene di provare a far ingoiare a Mottola la documentazione.

Questo è soltanto l’ultimo di una serie di episodi di violenza contro i giornalisti che il segretario dell’Ordine dei Giornalisti Guido D’Ubaldo, in accordo con il presidente Carlo Verna, commenta sottolineando come questi atti si inseriscano “in un clima d’intolleranza e di violenza nel quale il giornalista nell’esercizio del proprio lavoro diventa un bersaglio da colpire, fisicamente o verbalmente”. Poi aggiunge: “Non ci faremo intimidire e non è più tollerabile che chi lavora per informare i cittadini debba essere costretto a mettere a repentaglio la propria incolumità. Difenderemo con forza i diritti e la libertà di espressione nel nostro Paese: chi vuole colpire i giornalisti attenta alle libertà costituzionali di tutti i cittadini”.

“Questi episodi non sono più tollerabili, anche perché sono ripetuti, plateali, commessi in pubblico e documentati dai video. Per queste ragioni chiediamo che si proceda immediatamente, senza indulgenza alcuna e mettendo queste persone in condizione di non nuocere ad alcuno e di non molestare la libertà di informazione e il diritto dei cittadini ad essere informati”, è il commento della Federazione nazionale della Stampa italiana.

“Si tratta di un episodio grave ed intollerabile”, hanno detto Monica Maggioni, Presidente della Rai, e Mario Orfeo, Direttore Generale dell’azienda, esprimendo il loro sostegno a Mottola e alla redazione di Report. “La libertà di stampa  – hanno concluso- è uno dei cardini di ogni democrazia e il lavoro dei giornalisti è fondamentale in questo senso”.

PER APPROFONDIRE
Qui il link all’episodio.

Trackback dal tuo sito.

Premio Morrione

Premio Morrione Finanzia la realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale. Si rivolge a giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell’informazione.

leggi

Narcomafie

La rivista, realizzata in collaborazione con l’associazione Libera, è stata fondata nel febbraio del 1993, all’indomani delle stragi di Capaci e di via D’Amelio

Vai

Articolo 21

Articolo 21: giornalisti, giuristi, economisti che si propongono di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero (oggetto dell’Articolo 21 della Costituzione italiana da cui il nome).

Vai

I link