NEWS

Dossier Libera Informazione sulle mafie in Emilia Romagna: una doverosa rettifica

il . Emilia-Romagna

In merito a quanto riportato all’interno dell’ultimo dossier di Libera Informazione, intitolato “Mosaico di mafie e antimafia. Aemilia, un terremoto di nome ‘ndrangheta”, è necessaria una doverosa rettifica.

A pag. 151 si legge: “Giovanni Paolo Bernini, già assessore del Comune di Parma in quota Popolo delle Libertà e Giuseppe Pagliani, capogruppo di Forza Italia nel consiglio comunale di Reggio Emilia, sono stati arrestati anche loro la mattina del 28 gennaio, proprio con l’infamante accusa di aver favorito il clan ‘ndranghetista piegando la propria attività politica a fini criminali. Bernini è accusato di concorso esterno in associazione mafiosa, in quanto, in cambio dei voti richiesti a Romolo Villirillo, in occasione della tornata amministrativa del 2007 a Parma, si sarebbe impegnato a fornire denaro, ma soprattutto ad essere, una volta eletto, il terminale delle richieste provenienti dalla cosca cutrese, per la cui soddisfazione si fosse reso necessario un provvedimento o un passaggio amministrativo”.

Contrariamente a quanto abbiamo scritto, Giovanni Paolo Bernini non è stato arrestato il 28 gennaio u.s., in quanto il Gip non accolse la richiesta di custodia cautelare a suo carico avanzata dai magistrati della DDA di Bologna. A fine maggio è stata poi depositata la decisione del Tribunale del Riesame che ha respinto l’appello della Procura della Repubblica contro il mancato arresto.

In attesa dell’inizio del processo, all’interno del quale verranno vagliate le diverse posizioni degli imputati, ci scusiamo con l’interessato per un errore assolutamente non voluto.

A lui e ai lettori del dossier ricordiamo peraltro quanto abbiamo scritto a pag. 143: Una prima avvertenza è ovviamente d’obbligo: non stiamo commentando una sentenza definitiva della Corte di Cassazione ma l’ordinanza di custodia emessa dal Gip del Tribunale di Bologna44 su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia. Le prove raccolte e le accuse sollevate ora sono attese dal vaglio processuale e quindi il quadro delineato dagli inquirenti che andiamo ad approfondire potrebbe essere confermato, ma anche stravolto. Pertanto le persone menzionate sono da ritenere innocenti fino al passaggio in giudicato di qualsivoglia condanna”.

In merito alla vicenda, riportiamo inoltre il comunicato dell’Ufficio di presidenza dell’Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna.

ASSEMBLEA ER. ERRATA NOTIZIA SU GIOVANNI PAOLO BERNINI, LE SCUSE DELL’UFFICIO DI PRESIDENZA

Nel prendere atto della segnalazione arrivata oggi in Aula da Tommaso Foti, presidente del Gruppo Fdi, relativa alla notizia, errata, dell’arresto dell’ex assessore comunale di Parma, Giovanni Paolo Bernini, lo scorso gennaio nell’ambito dell’inchiesta Aemilia, e riportata nel Dossier 2014/2015 sulle mafie in Emilia-Romagna realizzato da ‘Libera Informazione’, l’Ufficio di Presidenza dell’Assemblea legislativa regionale ritiene di doversi scusare con il dottor Bernini.

“L’Assemblea legislativa e la Giunta portano avanti con fermezza l’azione di contrasto all’infiltrazione della criminalità organizzata e di diffusione della cultura della legalità- sottolinea l’Ufficio di Presidenza- cercando anche di conoscere le modalità di radicamento delle mafie nei nostri territori. La collaborazione con ‘Libera Informazione’, da cui nasce il Dossier annuale sulle mafie in Emilia-Romagna, ha origine in questo contesto, in nome di un impegno di assoluta priorità. E proprio perché si tratta di un impegno fondamentale, non si può mai derogare dalla completezza e correttezza delle informazioni riportate”.

Trackback dal tuo sito.

Premio Morrione

Premio Morrione Finanzia la realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale. Si rivolge a giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell’informazione.

leggi

Narcomafie

La rivista, realizzata in collaborazione con l’associazione Libera, è stata fondata nel febbraio del 1993, all’indomani delle stragi di Capaci e di via D’Amelio

Vai

Articolo 21

Articolo 21: giornalisti, giuristi, economisti che si propongono di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero (oggetto dell’Articolo 21 della Costituzione italiana da cui il nome).

Vai

I link