NEWS

Roma, 50 piazze contro le mafie

di redazione il . Lazio

Le indagini Mondo di Mezzo, le inchieste su ‘ndrangheta, camorra e cosa nostra, le sentenze su  Ostia, i numerosi arresti per corruzione ci consegnano un quadro criminale e sociale grave e  preoccupante per Roma di fronte al quale – a poche settimane dalla scoperta di Mafia Capitale  che aveva suscitato grande scalpore – in città, nella regione e nel Paese è calato un inesorabile e  irresponsabile, qualche volta complice, silenzio. Per questo lanciamo la proposta di organizzare a Roma, il 6 e il 7 Marzo,  “Spiazziamoli”: 50 Piazze Contro le Mafie”.
Così in una nota la rete di associazioni impegnate sul territorio e coordinate da Libera lanciano l’iniziativa di animazione di50 Piazze contro le mafie e per la democrazia da organizzare in ogni quartiere, in periferia e  al centro, che vedano il protagonismo diretto di cittadini e migranti, per mettere in comune  le problematiche dei singoli territori ed elaborare, insieme, delle proposte condivise”.
“Idee e  proposte per il futuro della città che passino anche attraverso la lotta alla corruzione e per  la trasparenza – scrivono; la centralità della costruzione di un nuovo welfare territoriale (a  partire dal reddito, strumento necessario per contrastare la marginalità sociale in cui le mafie  trovano terreno fertile); l’autodeterminazione dei territori; il contrasto alla speculazione  edilizia; il riutilizzo per finalità sociali di beni confiscati e pubblici inutilizzati”.

Trackback dal tuo sito.

Premio Morrione

Premio Morrione Finanzia la realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale. Si rivolge a giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell’informazione.

leggi

Narcomafie

La rivista, realizzata in collaborazione con l’associazione Libera, è stata fondata nel febbraio del 1993, all’indomani delle stragi di Capaci e di via D’Amelio

Vai

Articolo 21

Articolo 21: giornalisti, giuristi, economisti che si propongono di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero (oggetto dell’Articolo 21 della Costituzione italiana da cui il nome).

Vai

I link