NEWS

Cambio al vertice della Dia: nominato direttore Nunzio Antonio Ferla

di redazione il . Lazio

Va a ricoprire il ruolo di prefetto, come deciso ieri dal Consiglio dei Ministri, il direttore della Dia, Arturo De Felice. Al vertice dell’intelligence antimafia succede il generale di Divisione Nunzio Antonio Ferla. “L’assunzione della titolarità della Direzione Investigativa Antimafia, della quale diviene l’undicesimo Direttore, costituisce, quindi, per il Generale di Divisione Dr. Ferla il prestigioso approdo di una carriera di spicco, costellata dalle più diversificate esperienze professionali in varie parti del territorio nazionale – spiegano dalla Dia. Si tratta di un incarico di assoluto rilievo, per il suo valore intrinseco, caratterizzato dalla “centralità” che l’obiettivo del contrasto alla criminalità organizzata ha assunto tra le priorità perseguite per assicurare l’ordinato sviluppo della società civile”.

Chi è il Generale Ferla. Il Generale di Divisione Nunzio Antonio Ferla, nato a Teolo (PD) nel 1959, nel corso della sua carriera ha ricoperto importanti incarichi di Stato Maggiore presso il Comando Generale del Corpo oltre che incarichi di Comando Territoriale, tra cui quello di Comandante Provinciale di Palermo, della Regione Abruzzo, e per ultimo quello di Comandante Regionale Campania della Guardia di Finanza. Arruolatosi nel 1977, ha conseguito le lauree in Giurisprudenza, in Scienze della Sicurezza Economica Finanziaria e in Scienze delle Pubbliche Amministrazioni. E’ stato nominato Generale di Divisione nel luglio 2011. 

Trackback dal tuo sito.

Premio Morrione

Premio Morrione Finanzia la realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale. Si rivolge a giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell’informazione.

leggi

Narcomafie

La rivista, realizzata in collaborazione con l’associazione Libera, è stata fondata nel febbraio del 1993, all’indomani delle stragi di Capaci e di via D’Amelio

Vai

Articolo 21

Articolo 21: giornalisti, giuristi, economisti che si propongono di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero (oggetto dell’Articolo 21 della Costituzione italiana da cui il nome).

Vai

I link