NEWS

Processo Iblis, la sentenza: 270 anni di carcere. Condannati Fausto Fagone e Santapaola jr

di Claudia Campese il . Sicilia

Si conclude così il primo grado del filone principale di una delle maggiori indagini degli ultimi anni, l’unica sui presunti intrecci tra mafia, politica e imprenditoria nel Catanese. Confermate quasi tutte le accuse per i 22 imputati, i giudici stabiliscono quasi 80 anni in meno di quelli chiesti dai pm.

Leggi tutte le condanne

 

270 anni è il numero del diavolo. Almeno nella sua versione catanese. È questo il risultato dellasentenza di primo grado del processo ordinario Iblis, dal nome di Lucifero in arabo, sulle collusioni tra politica, mafia e imprenditoria nel Catanese. Quasi due anni e mezzo di procedimento, nato dagli arresti di novembre 2010, e che si è subito sfilacciato in diversi filoni paralleli. Uno dei quali si è concluso con la condanna in primo grado a sei anni e otto mesi per concorso esterno in associazione mafiosa all’ex governatore regionale Raffaele Lombardo. E oggi si scrive la parola fine anche sul principale dei tronconi di Iblis, concluso questa mattina nell’aula giudiziaria del carcere di Bicocca con la condanna dei 22 imputati. Quasi 80 anni in meno di quelli chiesti dai pubblici ministeri.

I giudici hanno deciso di procedere con la sentenza e stralciare la posizione di Giovanni D’Urso, dopo l’istanza di ricusazione della stessa corte avanzata dall’imputato e accolta dalla Cassazione. L’ex sindaco di Palagonia Fausto Fagone è stato condannato per concorso esterno in associazione mafiosa, ma non per concussione.

Ecco tutte le condanne.

Giovanni Buscemi: 12 anni (per lui i pm hanno chiesto 16 anni)
Angelo Carbonaro: 12 anni (chiesti 12 anni)
Natale Ivan Filloramo: 16 anni (chiesti 21 anni e 4 mesi)
Massimo Oliva: 12 anni (chiesti 16 anni)
Pasquale Oliva: 18 anni (chiesti 28 anni di reclusione)
Francesco Pesce: 12 anni (chiesti 15 anni)
Giuseppe Rindone: 12 anni (chiesti 16 anni)
Vincenzo Santapaola: 18 anni (chiesti 21 anni e 4 mesi di reclusione)
Mario Scinardo: 12 anni (chiesti 15 anni)
Tommaso Somma: 12 anni (chiesti 15 anni)
Rosario Di Dio: 20 anni (chiesti 26 anni e 8 mesi)
Giuseppe Tomasello: 13 anni (chiesti 19 anni e tremila euro di multa)
Giovanni D’Urso: (chiesti 20 anni e novemila euro di multa)
Carmelo Finocchiaro: 17 anni (chiesti 22 anni e diecimila euro di multa)
Santo Massimino: 12 anni (chiesti 12 anni di reclusione)
Sandro Monaco: 12 anni (chiesti 12 anni di reclusione)
Fausto Fagone: 12 anni (chiesti 17 anni)
Vincenzo Aiello: 22 anni (chiesti 25 anni e 6 mesi e 14.400 euro di multa)
Giuseppe Brancato: 4 anni e sei mesi (chiesti 4 anni)
Rosario Cocuzza: 4 anni e sei mesi (chiesti 4 anni)
Mario Ercolano: 12 anni (chiesti 14 anni e settemila euro di multa)
Carmelo Mogavero: 5 anni (chiesti 3 anni e 8 mesi)

Trackback dal tuo sito.

Premio Morrione

Premio Morrione Finanzia la realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale. Si rivolge a giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell’informazione.

leggi

Narcomafie

La rivista, realizzata in collaborazione con l’associazione Libera, è stata fondata nel febbraio del 1993, all’indomani delle stragi di Capaci e di via D’Amelio

Vai

Articolo 21

Articolo 21: giornalisti, giuristi, economisti che si propongono di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero (oggetto dell’Articolo 21 della Costituzione italiana da cui il nome).

Vai

I link