NEWS

Caso Alpi, Somalia e veleni: i fascicoli segreti sotto chiave nell’archivio della Camera

di redazione il . Lazio

L’inchiesta de “Il Manifesto”— «Ottomila documenti. Una pila di carta di diversi metri di altezza. E’ la quantità di dossier che i servizi di sicurezza militare, l’ex Sismi, oggi Aise – hanno accumulato su fatti attintenti in qualche maniera l’esecuzione dei giornalisti Ilaria Alpi e Miran Hrovatin, il 20 marzo del 1994» a Mogadisco. Un duplice delitto su cui nè la magistratura  nè una Commissione parlamentare d’inchiesta sono riusciti a fare luce. Vent’anni dopo una inchiesta de Il Manifesto firmata dai giornalisti Andrea Palladino e Andrea Tornago cerca di fare chiarezza intorno alla mole di documentazione acquisita negli archivi della Camera da cinque Commissioni d’inchiesta sui rifiuti e una, appunto, sul caso Alpi. Carte messe sotto chiave a Palazzo San Macuto e su cui – come scrivono Palladino e Tornago – «tra l’aprile e il maggio scorso» è arrivato il “no” dell’Agenzia Aise, l’ex Sismi, che pare «abbia negato l’autorizzazione a un ufficio di Montecitorio che chiedeva la declassificazione dei documenti riservati acquisiti dalla Commissione parlamentare sui rifiuti presieduta da Gaetano Pecorella».

Nelle scorse settimane, infatti, una richiesta di desecretazione degli documenti sui traffici internazionali di rifiuti tossici è stata presentata da Greenpeace e sostenuta da “Il Manifesto”. La presidente della Camera, Laura Boldrini si è impegnata a dare il via alla discovery ma i conti non tornano – spiegano i due giornalisti. «Quanti sono questi dossier segreti? – chiedono nell’inchiesta. Di certo molti di più rispetto all’elenco che è stato proposto all’ufficio di presidenza della Camera. L’indice dei documenti sulle navi dei veleni acquisiti dalla Commissione Pecorella presenta più di 600 fascicoli classificati come “segreti” o “riservati”. Un vincolo che impedisce a tutti – giornalisti, magistrati, deputati – di leggere le notizie contenute». Segreti che pesano sui temi che hanno «come centro di gravità i traffici di armi e di rifiuti».

L’inchiesta integrale su Toxicleaks.org, il portale che segue da vicino questo percorso di desecretazione e che raccoglie documenti, dossier, articoli e segnalazioni sul traffico internazionale di rifiuti tossici.

 

 

 

Trackback dal tuo sito.

Premio Morrione

Premio Morrione Finanzia la realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale. Si rivolge a giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell’informazione.

leggi

Narcomafie

La rivista, realizzata in collaborazione con l’associazione Libera, è stata fondata nel febbraio del 1993, all’indomani delle stragi di Capaci e di via D’Amelio

Vai

Articolo 21

Articolo 21: giornalisti, giuristi, economisti che si propongono di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero (oggetto dell’Articolo 21 della Costituzione italiana da cui il nome).

Vai

I link