NEWS

Mafia: prima condanna nelle Marche
associazione anni ’80-’90

Da Antimafia Duemila il . Marche

Era una vera e propria associazione per delinquere di stampo
mafioso, con connotazione camorristica, quella promossa da Antonio
Domenico Cataldi (poi deceduto) e proseguita da Sauro Paoletti, Claudio
Nabissi e Doriano Seghetti tra il 1980 e il 1991 ad Ascoli Piceno,
Macerata e Ancona.
Lo ha riconosciuto oggi, e per la prima volta nelle Marche, il
tribunale di Ancona, che ha anche concesso a Paoletti – difeso
dall’avv. Filippo Moroni – l’attenuante speciale della collaborazione
anche in virtù dei risultati conseguiti. Il collegio, presieduto da
Lorenzo Falco, ha irrogato in totale 22 anni e 4 mesi di carcere,
confermando l’impostazione del pm Irene Bilotta secondo cui la gang si
avvaleva della forza di intimidazione del vincolo associativo e della
condizione di assoggettamento e di omertà. Con un sistematico ricorso a
rapine, estorsioni, attentati incendiari ai danni di night e circoli
ricreativi, l’associazione puntava ad acquisire il controllo delle
attività economiche prese di mira. La pena più alta, 7 anni e mezzo, è
stata inflitta a Claudio Nabissi, 51 anni, di Porto Potenza Picena; 7
anni di carcere e 1.000 euro di multa la condanna per Doriano Seghetti,
56 anni, di Macerata, mentre Paoletti (un anno e 10 mesi) ha usufruito
della riduzione di pena in quanto collaboratore di giustizia. I tre
erano accusati di associazione per delinquere. Una condanna a 6 anni e
1.000 euro di multa per rapina è stata emessa a carico di Bruno
D’Alterio, 57 anni, di Giugliano (Napoli). Assolti altri tre campani
(Giuseppe Gallucci, 42 anni, Claudio Miraglia, 46, Antonio Sarracino,
56) e Sandro Pallotti, 57, di Servigliano (Ascoli Piceno).

da Antimafia Duemila

Trackback dal tuo sito.

Premio Morrione

Premio Morrione Finanzia la realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale. Si rivolge a giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell’informazione.

leggi

Narcomafie

La rivista, realizzata in collaborazione con l’associazione Libera, è stata fondata nel febbraio del 1993, all’indomani delle stragi di Capaci e di via D’Amelio

Vai

Articolo 21

Articolo 21: giornalisti, giuristi, economisti che si propongono di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero (oggetto dell’Articolo 21 della Costituzione italiana da cui il nome).

Vai

I link