NEWS

La parata dei potenti

Tonio Dell'Olio il . Ambiente, Diritti, Economia, Guerre, Internazionale, Istituzioni, L'analisi, Politica

Il diritto internazionale non contempla la presenza e l’azione del G7 tra le istituzioni sovranazionali, non è un ente riconosciuto, non è un’autorità certificata. Il G7 è piuttosto un club delle potenze che puzzano di naftalina.

Talvolta invitano le potenze economiche che si affacciano al futuro come l’India e il Brasile ma non le ammettono pienamente nel loro consesso. Rimangono sette. Si riconoscono tra di loro e se ne autocompiacciono. Si autodefiniscono “le democrazie più industrializzate del mondo” e si riuniscono per coordinare le politiche economiche dal momento che detengono il pacchetto di maggioranza della ricchezza mondiale (tra il 62 e il 70%).

Anche in questi giorni discuteranno della pace e della guerra, delle condizioni di miseria di buona parte degli abitanti del pianeta e di cambiamenti climatici, ma hanno come finalità prioritaria assoluta quella di garantire e proteggere gli interessi economici e geopolitici dei propri rispettivi Paesi.

E quindi cosa c’è da aspettarsi? Sulla scorta dell’esperienza dei 50 incontri esclusivi che l’hanno preceduto, ci sarà una dichiarazione finale comune farcita di parole accettabili e di qualche impegno a favore della soluzione di qualche problema globale ma, non essendo vincolante e non potendo prevedere sanzioni o ricorsi, chi se ne frega di mantenerlo?

Per questo il G7 è semplicemente la parata dei potenti, una vacanza tra finti amici in un finto luogo dove si assumono finti impegni davanti a tutto il mondo.

Mosaico dei giorni

*****

G7: Oxfam, “Tagliare il 2,9% spesa militare per azzerare la fame nel mondo e risolvere la crisi del debito estero”

Trackback dal tuo sito.

Premio Morrione

Premio Morrione Finanzia la realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale. Si rivolge a giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell’informazione.

leggi

LaViaLibera

logo Un nuovo progetto editoriale e un bimestrale di Libera e Gruppo Abele, LaViaLibera eredita l'esperienza del mensile Narcomafie, fondato nel 1993 dopo le stragi di Capaci e via D'Amelio.

Vai

Articolo 21

Articolo 21: giornalisti, giuristi, economisti che si propongono di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero (oggetto dell’Articolo 21 della Costituzione italiana da cui il nome).

Vai

I link