NEWS

La nuova Colombia

Tonio Dell'Olio il . Diritti, Internazionale, Istituzioni, L'analisi, Politica, Società

Gustavo Petro è il nuovo presidente della Colombia. Ma nuovo davvero! Per la prima volta nella sua storia la Colombia ha un presidente dell’area progressista. Per la prima volta la vicepresidente è una donna e, per di più afrodiscendente, Francia Marquez.

Una svolta per questa grande nazione di gente generosa e forte, tenace e sofferente. Gli appetiti di troppi hanno reso la Colombia un Paese martire. A punteggiare la sua storia sono le vittime del narcotraffico, del sistema di corruzione, del latifondismo e dell’intrusione nordamericana da sempre asfissiante.

Vogliamo scommettere su un nuovo corso di quello che Guido Piccoli in un libretto prezioso di qualche anno fa chiamava Il Paese dell’eccesso. E questa elezione può diventare il riscatto delle vittime di un sistema perverso che non ha mai messo al primo posto il bene della gente ma gli interessi delle classi ricche e agiate.

In contesti come quelli, l’elezione non è mai una vittoria ma piuttosto l’inizio di un percorso ad ostacoli di cui Gustavo Petro è perfettamente cosciente. E per questo non basta brindare e congratularsi, è più importante non distrarsi mai dalla meta della giustizia.

Non distrarsi lui, non distrarci noi.

Mosaico dei giorni

*****

https://twitter.com/Avvenire_Nei/status/1539174571965923329?s=20&t=x9xZrJVkFMlauXLkXL8AjA

Trackback dal tuo sito.

Premio Morrione

Premio Morrione Finanzia la realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale. Si rivolge a giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell’informazione.

leggi

LaViaLibera

logo Un nuovo progetto editoriale e un bimestrale di Libera e Gruppo Abele, LaViaLibera eredita l'esperienza del mensile Narcomafie, fondato nel 1993 dopo le stragi di Capaci e via D'Amelio.

Vai

Articolo 21

Articolo 21: giornalisti, giuristi, economisti che si propongono di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero (oggetto dell’Articolo 21 della Costituzione italiana da cui il nome).

Vai

I link