NEWS

Libera aderisce appello U.N.I.T.A.: “Facciamo luce sui teatri”

Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie il . Associazioni, Brevi, Memoria, Società

Luigi Ciotti: “Mi unisco con convinzione e gioia al vostro appello e al vostro presidio. Perché il teatro torni a essere quel luogo dove ci ritroviamo come comunità e, chiuso il sipario, c’impegniamo a esserlo”.

Libera per voce del suo presidente Luigi Ciotti, aderisce all’appello di U.N.I.T.A. (Unione Nazionale Interpreti Teatro e Audiovisivo) che invita “tutte le donne e gli uomini che dirigono i teatri italiani, da quelli più piccoli fino ai grandi Teatri nazionali, a illuminare e tenere aperti i propri edifici la sera del 22 febbraio (dalle 19.30 alle 21.30)”.

“La liberazione – scrive Luigi Ciotti in un messaggio inviato agli organizzatori – dalla pandemia comporta una purificazione al tempo stesso interiore e politica, purificazione di un sistema malato d’ingiustizia e ignoranza, mali gemelli. In tal senso il ripristino della vita culturale della comunità rappresenta un passo fondamentale. E il teatro – i teatri – sono da sempre un cardine della cultura. Dai tempi della grande tragedia greca il teatro rappresenta il “rito” di una comunità. E voi – cari amici attori e artisti –- m’insegnate che la parola rito è legata dalla sua stessa radice a “ritmo” e questa a “diritto”.

Rito, ritmo, diritto: qui è racchiuso il valore culturale, civile e anche politico del teatro. Il teatro come specchio verace della condizione umana, come luogo per riflettere, dubitare, cercare. Cioè per diventare appieno persone e cittadini. Per questo- conclude Luigi Ciotti- mi unisco con convinzione e gioia al vostro appello e al vostro presidio, cari amici. Perché il teatro torni a essere quel luogo dove ci ritroviamo come comunità e, chiuso il sipario, c’impegniamo a esserlo.”

*****

Trackback dal tuo sito.

Premio Morrione

Premio Morrione Finanzia la realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale. Si rivolge a giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell’informazione.

leggi

LaViaLibera

logo Un nuovo progetto editoriale e un bimestrale di Libera e Gruppo Abele, LaViaLibera eredita l'esperienza del mensile Narcomafie, fondato nel 1993 dopo le stragi di Capaci e via D'Amelio.

Vai

Articolo 21

Articolo 21: giornalisti, giuristi, economisti che si propongono di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero (oggetto dell’Articolo 21 della Costituzione italiana da cui il nome).

Vai

I link