NEWS

La forza delle idee contro le disuguaglianze tra gli uomini

Pierluigi Ermini il . Chiesa, Giustizia, Società

helder camara e madre teresaHo avuto la fortuna molti anni fa di ascoltare a Montevarchi all’allora cinema teatro Impero Don Helder Camara. Questo uomo mi apparve come un vero e proprio profeta. Più tardi ho letto i suoi libri, ma il clima festoso e ricco di speranza di quell’incontro è rimasto nella mia mente come resta nel palato della bocca il sapore di un buonissimo cibo appena gustato.

Non ricordo le parole che disse quel giorno, ma è restata in me l’aria che si è respirata, che torna alla mente, riappare in determinati momenti della vita, come un soffio del vento che vuole scuoterci e impedirci di addormentarsi.

Così ripercorro nella mia mente le ore di quella mattina e il volto di un uomo sorridente e felice di incontrare i giovani e accendere una speranza. Ancora una volta si scaldava il mio cuore ….

Le parole le ho lette dopo nei suoi libri…, parole che stimolavano all’impegno concreto….

Helder Camara amava ripetere che non sono i soldi o le capacità finanziarie che cambiano il mondo ma è ‘la forza delle idee’ che smuove le montagne e può persino arrivare a cambiare la struttura iniqua ed ingiusta di cui facciamo parte. Lui, precursore della teologia della liberazione, fu un prete prima e un vescovo dopo che ha cercato di integrare la dimensione politica e quella spirituale della fede cristiana.

D’altronde è impossibile nel pensiero cristiano, staccare il pensiero dagli atti concreti. Un po’ come Marta e Maria che ospitano Gesù che arriva nella loro casa, una dedita a profumare i piedi del Cristo e l’altra a rendere accogliente la casa, a preparare il cibo.

Forse abbiamo dato più spazio nella nostra esperienza religiosa alla figura di Maria che contempla Gesù e lo ama, lasciando in disparte la figura di Marta che rappresenta la concretezza della vita materiale che contribuisce a rendere migliore lo spazio e i luoghi dove viviamo.

Invece spirito e azione nell’esistenza delle persone sono chiamate ad integrarsi perchè siamo un tutt’uno dove ciò che conta è la capacità che abbiamo di amare che si manifesta nella concretezza dell’accoglienza, del servire l’altro,  della ricerca della giustizia, dell’impegno contro le diseguaglianze. Siamo chiamati ad essere un po’ Marta e un po’ Maria.

Il cristiano non sfugge alle sfide della sua epoca. Non resta a braccia incrociate, a bocca chiusa, a testa vuota; non tollera l’ingiustizia né le evidenti disuguaglianze del nostro mondo; lotta per la verità e la giustizia, con le armi dell’amore” – sono le parole di Helder Camara che ancora hanno la capacità di indicarci il cammino.

Così penso che di fronte alle grandi diseguaglianze che ancora oggi esistono tra le persone, il giorno in cui smetteremo di indignarci e di ribellarci e le accetteremo con rassegnazione come una cosa normale, sarà il giorno in cui inizieremo a morire. Fino a quando sentiremo dentro di noi la necessità e il desiderio di impegnarci per combatterle, sentiremo la vita pulsare nelle nostre vene.

Il cristiano non si scoraggia né si dispera davanti alle sconfitte e alle difficoltà, perché sa che l’unica cosa che rimarrà di tutto questo è l’amore che si manifesta nella concretezza delle azioni“. In queste parole è racchiusa “La forza delle idee”, l’eredità che ci ha lasciato Dom Helder Camara, il cammino indicato per rendere la nostra “casa” un luogo dove ci sia il profumo di nardo di Maria e la capacità dell’impegno concreto di Marta.

Trackback dal tuo sito.

Premio Morrione

Premio Morrione Finanzia la realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale. Si rivolge a giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell’informazione.

leggi

Articolo 21

Articolo 21: giornalisti, giuristi, economisti che si propongono di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero (oggetto dell’Articolo 21 della Costituzione italiana da cui il nome).

Vai

I link