NEWS

Il viaggio di Libero Cinema in Libera Terra 2020

Cinemovel Foundation il . Associazioni, Brevi, Società

invitoNL_Carovana-FestaMobile2020-768x454Da quattordici anni, con il cinema itinerante, andiamo sui beni confiscati alle mafie e restituiti alla collettività.

Quest’anno, a causa della pandemia, anche le ruote del cine-furgone si sono fermate e non possiamo montare gli schermi di Libero Cinema nelle piazze italiane.

Le ruote possono essere anche di altra natura, ma la partenza è la stessa. La stessa urgenza di tenere sotto i riflettori la lotta a mafie e corruzione.

Il festival di Libero Cinema in Libera Terra non si ferma e nell’anno della sua quindicesima edizione presenta una nuova forma, per condividere insieme un impegno per i “diritti al nuovo mondo”.

Anche il logo è cambiato, così come la sigla, e le radici del nostro albero delle pellicole si sono rafforzate con un fascio di cavi che entra nel mondo digitale.

A svelare il programma e tutte le novità di questa edizione sarà la “Festa Mobile”, la presentazione online di Libero Cinema in Libera Terra con Elisabetta Antognoni presidente di Cinemovel e Fabrizio Grosoli per la programmazione, con le riflessioni di Luigi Ciotti, fondatore di Libera, e di Pierluigi Stefanini e Marisa Parmigiani presidente e direttrice della Fondazione Unipolis, e la presentazione dei campi di Estate Liberi con Claudio Siciliano.

L’appuntamento è il 10 luglio alle ore 12 sui siti di Cinemovel e di Libera.

La Quindicesima edizione di Libero Cinema in Libera Terra parte a luglio, nei giorni 14, 15 e 16.

Lo schermo si accende in una piazza virtuale, quella della piattaforma MYmovies, media partner del festival, già insieme a Cinemovel con l’iniziativa Schermi in Classe – #iorestoacasa. Dal 10 luglio sarà possibile prenotare il proprio posto su Mymovies.it.

Anche con le ruote ferme l’impegno di Libero Cinema continua e trasforma questo momento di incertezza in un’opportunità per viaggiare ancora più lontano. Così, nelle tre serate di luglio, prima della proiezione dei film il festival propone il format “Diritti al nuovo mondo: Libero Cinema incontra”, uno spazio online interattivo condotto da Enrico Fontana, con le interviste a personalità che ci aiuteranno a “leggere” ciò che sta accadendo intorno a noi, insieme al contributo di autori, registi e protagonisti della vita sociale, culturale ed economica di vari Paesi. Gli incontri si tengono alle 20:45 e alle 21:30 segue la proiezione del film.

Il 14 luglio, serata di apertura del festival, avrà come protagonista Luigi Ciotti, fondatore di Libera e Gruppo Abele, e si parlerà di povertà educativa. Le serate del 15 e 16 luglio sono dedicate a due continenti dimenticati, l’America Latina e l’Africa. I film in programma sono: 14 luglio – “La nostra strada”, di Piero Li Donni; 15 luglio – “Il sale della terra”, di Wim Wenders; 16 luglio – “Appena apro gli occhi: canto per la libertà”, di Leyla Bouzid.

Il 14, il 15 e il 16 luglio sono le prime tappe di un viaggio che prosegue nel mese di settembre, periodo di vendemmia che vede tante cooperative impegnate sui beni confiscati. Libero Cinema fa 7 tappe, nelle quali il format “Diritti al nuovo mondo: Libero Cinema incontra” viene trasmesso online, questa volta direttamente dai territori con i protagonisti del festival in dialogo con chi ogni giorno si misura con le fatiche e le speranze di cambiamento.

Libero Cinema in Libera Terra è il festival di cinema itinerante che dal 2006 fa tappa sui beni confiscati alle mafie e restituiti alla collettività per raccontare attraverso il cinema storie di denuncia, di impegno, di riscatto, di diritti negati e affermati.

Nel suo quindicesimo anniversario le strade di Libero Cinema incontrano altri continenti, come l’Africa e l’America Latina, quasi del tutto scomparsi dai “radar” dell’informazione, per raccontare nuove storie, ma anche per rompere l’isolamento, per immaginare una società più equa e giusta e per ri-conoscere la dignità di ogni persona e la sua centralità in ogni nuova progettazione; un’occasione per allargare lo sguardo a quelle persone e a quei luoghi, che oggi è quanto mai urgente rimettere al centro.

Dopo questi lunghi mesi, trascorsi in una condizione di allontanamento da alcune essenziali condizioni di ben-essere, Libero Cinema sceglie di dedicare le sue riflessioni e le sue storie ai diritti, con una particolare attenzione al diritto all’educazione, all’accesso e alla partecipazione ad opportunità culturali e sociali per tutti.

L’invito è a tutti coloro che vogliono unirsi a questo viaggio, porsi in ascolto e sperimentare nuovi punti di vista, con le storie raccontate dalle persone e dai film di Libero Cinema in Libera Terra.

Libero Cinema in Libera Terra è promosso da: Cinemovel Foundation e Libera

Partner istituzionale: Fondazione Unipolis

Con il sostegno di: Miur e MiBACT

Main partner: BNL Gruppo BNP Paribas

Solidal partner: Coop Alleanza 3.0

Creative partner: Lucrezia Gismondi; Articolture; Frames on the Moon

Media partner: Internazionale; MYmovies; Libera Informazione

Trackback dal tuo sito.

Premio Morrione

Premio Morrione Finanzia la realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale. Si rivolge a giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell’informazione.

leggi

Articolo 21

Articolo 21: giornalisti, giuristi, economisti che si propongono di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero (oggetto dell’Articolo 21 della Costituzione italiana da cui il nome).

Vai

I link