NEWS

Don Ciotti: “Regolarizzate i braccianti stranieri per proteggerli”

Gruppo Abele e Libera il . Mafie, Migranti

Regolarizzare i braccianti stranieri per proteggerli dal Coronavirus e dal caporalato. Libera e Gruppo Abele firmano appello lanciato da Terra!, Flai CGIL.

La pandemia di #Covid_19 ha gettato l’Italia in una profonda crisi sanitaria ed economica. Ma le conseguenze di questo dramma non colpiscono tutti allo stesso modo: nei ghetti e nelle tendopoli in cui vivono migliaia di stranieri irregolari, lavarsi le mani o rispettare le distanze di sicurezza è impossibile. Mancano acqua corrente ed energia elettrica, l’accesso alle cure è inesistente e anche il lavoro informale è difficile da trovare, perché le persone hanno paura di uscire a cercarlo.

Intanto, l’agricoltura italiana è in profonda depressione economica, perché tanti lavoratori regolari che ogni anno vengono dall’est Europa sono rimasti nei loro paesi d’origine. L’unico modo per garantire la continuità della produzione è regolarizzare subito gli stranieri irregolari – per lo più venuti dall’Africa – che oggi, data la loro condizione, non possono accedere ai servizi igienico-sanitari, a un lavoro regolare o trovare un’abitazione vera.

Con un appello ai Ministri Bellanova, Lamorgese, Speranza, Catalfo e Provenzano centinaia di associazioni, guidate da Flai-Cgil e Terra!, e personalità, tra le quali don Luigi Ciotti, presidente del Gruppo Abele e di Libera, hanno chiesto di agire subito per tutelare la salute e i diritti dei tanti braccianti che fino ad oggi hanno contribuito, pur esposti a sfruttamento e caporalato, a garantire che il nostro cibo arrivasse in tavola tutti i giorni.

Ci sono state aperture da parte dalle istituzioni, ma ancora nessun gesto concreto. Crediamo tuttavia che non si possa più aspettare: ogni giorno che passa è un giorno di troppo e rischiamo di trovarci presto con ghetti pieni e scaffali vuoti.

Partecipa alla campagna

Trackback dal tuo sito.

Premio Morrione

Premio Morrione Finanzia la realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale. Si rivolge a giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell’informazione.

leggi

Articolo 21

Articolo 21: giornalisti, giuristi, economisti che si propongono di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero (oggetto dell’Articolo 21 della Costituzione italiana da cui il nome).

Vai

I link