NEWS

Roma 25 febbraio, “Il memoriale di Aldo Moro”

Archivio Flamigni il . Brevi, Informazione, Memoria

INVITO MORO DEF IMG

Martedì 25 febbraio alle ore 16, presso l’Archivio di Stato di Roma (Corso del Rinascimento, 40), sarà presentato il volume “Il Memoriale di Aldo Moro, 1978. Edizione critica” a cura di Francesco M. Biscione, Michele Di Sivo, Sergio Flamigni, Miguel Gotor, Ilaria Moroni, Antonella Padova, Stefano Twardzik e con il coordinamento di Michele Di Sivo, pubblicato da De Luca Editori d’Arte.

Divenuto pienamente un bene tutelato dal Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, il cosiddetto Memoriale, elaborato da Aldo Moro nell’ambito dell’interrogatorio condotto dal sedicente tribunale del popolo, il cui originale è scomparso, ma noto attraverso le fotocopie che dell’autografo fecero le Brigate rosse, per la prima volta è edito nella sua integrità: nelle sue cancellature, nelle sue revisioni, nei ripensamenti di un autore prigioniero e inquisito tra la vita e la morte, e può oggi essere studiato come una fonte della nostra storia.

La ricostruzione del testo e della sua organizzazione, così come dei tempi della composizione degli scritti, permette di seguire Moro e le sue reazioni durante il sequestro, nei giorni in cui il Paese attraversò la crisi più grave del dopoguerra: il Memoriale acquista così il suo pieno significato.

La pubblicazione è accompagnata dai contributi di un gruppo autorevole di studiosi: l’edizione restituisce quindi le condizioni e il senso d’un testo drammatico e lucido per comprendere un evento decisivo della storia dell’Italia repubblicana.

Per conoscere il programma: http://bit.ly/38mqGD1

Trackback dal tuo sito.

Premio Morrione

Premio Morrione Finanzia la realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale. Si rivolge a giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell’informazione.

leggi

Articolo 21

Articolo 21: giornalisti, giuristi, economisti che si propongono di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero (oggetto dell’Articolo 21 della Costituzione italiana da cui il nome).

Vai

I link