NEWS

Kuciak e lo stato di diritto secondo il presidente slovacco Čaputová

Joanna Demarco * il . Giustizia, Informazione

caputovasvieckaIl presidente slovacco Zuzana Čaputová, eletto a seguito dell’assassinio di Jan Kuciak, tiene un forte discorso sulla necessità di un forte stato di diritto alla Conferenza di sicurezza di Monaco.

“Non possiamo difendere i nostri valori senza lo stato di diritto, che a sua volta richiede istituzioni forti, cittadini attivi, nonché leader politici che rispettino lo stato di diritto e lo proteggano”, secondo il presidente slovacco Zuzana Čaputová.

Čaputová è stata eletta Capo dello Stato slovacco l’anno scorso, un anno dopo l’omicidio del giornalista Jan Kuciak del 2018 e della sua fidanzata Martina Kušnírová, con quasi il 60% dei voti con il suo slogan elettorale “resistere al male”. Čaputová aveva anche fatto una campagna per combattere la corruzione e la distruzione ambientale.

Parlando lunedì alla conferenza di sicurezza di Monaco, Čaputová ha affermato di provenire da una regione dove, giudicati solo da numeri, i cittadini vivono meglio di quanto non abbiano mai avuto economicamente, con bassi livelli di disoccupazione.

Tenendo conto di ciò, ha affermato che, nonostante il miglioramento degli standard di vita, gli standard della democrazia sembrano in qualche modo dimenticati. “Perché possiamo proteggere le nostre economie ma non abbiamo la stessa determinazione a difendere i nostri valori?” ha chiesto.

La responsabilità politica si è manifestata su tre livelli: in primo luogo la responsabilità di stabilire le regole. Čaputová ha sottolineato la necessità che la magistratura sia in grado di fondarsi su due pilastri; indipendenza e responsabilità personale. “Un pilastro deve rafforzare e non mettere in pericolo l’altro”, ha detto.

Il secondo aspetto della responsabilità di un leader è personale o morale, implicando una limitazione volontaria del potere attraverso la separazione, i controlli e gli equilibri. “Il potere è di default espansivo … richiede la capacità dei leader di resistere alle tentazioni del potere e di promuovere il rispetto delle regole”, ha detto.

Il terzo livello di responsabilità dei leader politici era nei confronti della società. I leader politici avevano la responsabilità di denunciare e respingere tutte le forme di estremismo e radicalismo, di denunciare bugie e manipolazioni avvolte in una promessa vuota.

“Il rispetto della verità è l’essenza dello stato di diritto … dobbiamo proteggere le società da false dichiarazioni se violano i nostri diritti fondamentali. Ciò che abbiamo appreso sul nostro clima si applica anche altrove: benefici a breve termine possono causare danni irreparabili alle generazioni future. Ecco perché dobbiamo promuovere e proteggere gli ingredienti chiave di una democrazia sana: media indipendenti e società civile”, ha affermato Čaputová.

Ha concluso il suo discorso affermando che la forza dell’Europa risiedeva nella determinazione comune a proteggere la libertà, la democrazia e il rispetto reciproco, nell’impegno per l’integrità personale e politica e la comprensione condivisa che lo stato di diritto “deve rimanere intoccabile”.

Čaputová si era unita a decine di migliaia di altri manifestanti antigovernativi dopo che Kuciak è stato ucciso a colpi di arma da fuoco insieme alla sua fidanzata nel febbraio 2018. Una delle prime cose che ha fatto è stata visitare il santuario di Kuciak e della sua fidanzata per accendere una candela, in netto contrasto con Malta dove il governo stava cancellando il memoriale di protesta per Daphne Caruana Galizia quasi ogni giorno.

Quattro persone sono attualmente sotto processo in relazione agli omicidi: l’uomo d’affari Marian Kočner, la sua stretta collaboratrice Alena Zsuzsová e i due assassini assunti Miroslav Macek e Tomáš Szabó.

Nell’ultima sessione del processo il 22 gennaio, Miroslav Kriak, uno degli uomini assunti per seguire Ján Kuciak e altri giornalisti, ha testimoniato e ha affermato di essere stato assunto dall’ex capo del controspionaggio slovacco Peter Toth in un’operazione di spionaggio che avrebbe dovuto costare 130.000 Euro.

Kriak aveva scattato diverse fotografie di Kuciak, che ora fanno parte delle prove presentate nel processo contro Kocner e la sua presunta banda. Le immagini potrebbero essere state usate per fornire agli assassini maggiori informazioni sulla routine quotidiana di Jan Kuciak.

La polizia ha aperto un caso separato per quanto riguarda la sorveglianza dei giornalisti nel 2017-2018.

Gli omicidi avevano scatenato proteste su larga scala in tutta la Slovacchia e in altre 17 città del mondo. Il primo ministro slovacco Robert Fico e il suo governo hanno rassegnato le dimissioni in massa dopo che sono emerse accuse di complicità o negligenza nelle morti.

* The Shift News

Omicidio Kuciak, superteste inchioda mandante

Jan Kuciak e la mafia agricola in Slovacchia

Slovacchia antimafia in ricordo di Jan Kuciak

Trackback dal tuo sito.

Premio Morrione

Premio Morrione Finanzia la realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale. Si rivolge a giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell’informazione.

leggi

Articolo 21

Articolo 21: giornalisti, giuristi, economisti che si propongono di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero (oggetto dell’Articolo 21 della Costituzione italiana da cui il nome).

Vai

I link