NEWS

Processo per minacce a Borrometi: «Nessun cronista è solo»

Fnsi il . Informazione

borrometiQuesta mattina, 10 febbraio, Paolo Borrometi ha testimoniato nel processo per le minacce – aggravate dal metodo e dall’appartenenza mafiosa – ricevute dal boss Salvatore Giuliano e dal figlio Gabriele.

Una delegazione della Fnsi, parte civile, e dell’Usigrai, guidata da Vittorio di Trapani, era presente in aula per dire a chi lo minaccia che Borrometi non è solo.

«Come solo non è e non sarà mai nessun cronista intimidito o minacciato. Borrometi – spiegano in una nota congiunta Fnsi e Usigrai – ha fatto il suo dovere civico e civile di denunciare, noi il nostro di stargli affianco in difesa del diritto dei cittadini a essere informati, in difesa dell’articolo 21 della Costituzione».

Per via delle ripetute minacce ricevute negli anni da diversi esponenti della criminalità organizzata a causa del suo lavoro di inchiesta e di denuncia del malaffare, il giornalista siciliano, che è anche direttore del sito web LaSpia.it, è costretto a vivere sotto scorta armata dal 2014.

Trackback dal tuo sito.

Premio Morrione

Premio Morrione Finanzia la realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale. Si rivolge a giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell’informazione.

leggi

Narcomafie

La rivista, realizzata in collaborazione con l’associazione Libera, è stata fondata nel febbraio del 1993, all’indomani delle stragi di Capaci e di via D’Amelio

Vai

Articolo 21

Articolo 21: giornalisti, giuristi, economisti che si propongono di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero (oggetto dell’Articolo 21 della Costituzione italiana da cui il nome).

Vai

I link