NEWS

Intimidazioni a Repubblica: «Inaccettabile clima di odio»

Redazione il . Informazione

lettere a scalfariUna escalation di minacce e intimidazioni che hanno come bersaglio Repubblica e i suoi giornalisti. Da circa un mese, dopo il falso allarme bomba del 15 gennaio scorso, la redazione e tutti coloro che lavorano al quotidiano, il suo fondatore Eugenio Scalfari e il suo direttore Carlo Verdelli sono oggetto di messaggi di odio.

Episodi che sono culminati, con l’arrivo nella sede del giornale di sei lettere sospette negli ultimi giorni inviate a Scalfari dall’estero da parte di mittenti fasulli. Segnali di intimidazione, si legge su repubblica.it, ormai divenuti «troppi, e troppo ravvicinati, per tacerli, derubricandoli a innocue goliardate ancorché di pessimo gusto». A maggior ragione perché prendono di mira un organo di informazione.

«Le minacce e i messaggi intimidatori al fondatore di Repubblica Eugenio Scalfari, al direttore Carlo Verdelli e a numerosi giornalisti dello stesso quotidiano, ai quali la Fnsi esprime solidarietà e vicinanza, richiedono una reazione forte da parte di tutti, a cominciare dalle istituzioni e dalle autorità competenti, alle quali spetta il compito di mettere chi fa informazione nelle condizioni di lavorare serenamente e di individuare i responsabili di azioni vili e indegne», rilevano Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti, segretario generale e presidente della Federazione nazionale della Stampa italiana.

«È inaccettabile – proseguono – il clima di odio che si cerca di diffondere sempre di più nei confronti di quei giornalisti e di quelle testate che si sforzano ogni giorno di fare informazione con correttezza e passione e di raccontare il Paese con le sue contraddizioni e le sue debolezze, denunciandone le derive estremiste. La Federazione nazionale della Stampa italiana sarà sempre al fianco dei colleghi che, con il loro impegno, onorano l’articolo 21 della Costituzione e il diritto dei cittadini ad essere informati ed è pronta a intraprendere ogni iniziativa in difesa della libera informazione».

Il comunicato del Cdr
Non si ferma l’escalation di minacce e intimidazioni che hanno come bersaglio Repubblica e i suoi giornalisti. Dopo gli attacchi al direttore Carlo Verdelli, questa volta a finire nel mirino di anonimi vigliacchi è stato il fondatore Eugenio Scalfari, al quale sono stati recapitati alcuni plichi contenenti polvere bianca e messaggi vaneggianti. Il Comitato di redazione si schiera al fianco del fondatore e del direttore perché la Redazione farà sempre loro da scudo. E chiede alla comunità dei lettori di continuare a sostenere la battaglia civile e democratica che Repubblica combatte ogni giorno.

La solidarietà di Libera Informazione
Anche Libera Informazione manifesta piena solidarietà al fondatore de “La Repubblica” Eugenio Scalfari, al direttore Carlo Verdelli e ai tanti colleghi della redazione, alcuni dei quali, come Federica Angeli e Paolo Berizzi, finiti sotto scorta proprio per il loro impegno professionale. Il clima di odio e di intolleranza che ammorba il Paese finisce inevitabilmente per colpire i giornalisti, esposti quotidianamente in prima linea nel servizio pubblico dell’informazione. Sono auspicabili concreti passi in avanti da parte di tutti, soprattutto da chi ha responsabilità istituzionali e politiche, per cercare di ridurre il danno di queste minacce e contribuire a ridare ossigeno al dibattito democratico.

Trackback dal tuo sito.

Premio Morrione

Premio Morrione Finanzia la realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale. Si rivolge a giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell’informazione.

leggi

Narcomafie

La rivista, realizzata in collaborazione con l’associazione Libera, è stata fondata nel febbraio del 1993, all’indomani delle stragi di Capaci e di via D’Amelio

Vai

Articolo 21

Articolo 21: giornalisti, giuristi, economisti che si propongono di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero (oggetto dell’Articolo 21 della Costituzione italiana da cui il nome).

Vai

I link