NEWS

Le religioni e la catastrofe ambientale a Casa Comune

Gruppo Abele il . Ambiente, Brevi, Piemonte

gruppo abele_casa comuneIl 24 gennaio si apre il primo corso del 2020 promosso da Casacomune, la scuola di azioni e formazione fondata da Luigi Ciotti incentrata sui temi dell’ambiente

Tre giorni (24-25-26 gennaio) presso la Certosa di Avigliana (Torino), dal titolo Religione e/è ecologia per mettere in dialogo le diverse prospettive religiose col problema ambientale e riflettere sulla dimensione etica e spirituale dell’ecologia.

Nelle società contemporanee caratterizzate dalla “super-diversità” e dal pluralismo religioso, le diverse tradizioni religiose sono sempre più sollecitate dalle gravi crisi ambientali e sociali. Dal “Green Ramadan” organizzato dai musulmani di Torino alle certificazioni ambientali delle chiese protestanti in Italia e in Europa, la Scuola di Casacomune darà voce e metterà in dialogo le diverse comunità religiose che si stanno impegnando in percorsi e pratiche di conversione ecologica a difesa della la Terra.

Alla scuola saranno rappresentate 9 comunità religiose (cattolica, protestante, ortodossa, musulmana, buddista, induista, ebraica), per tracciare l’inizio di un percorso di confronto e scambio.

Interverranno, inoltre, studiosi e giornalisti. Sono oltre 60 gli iscritti al seminario provenienti da tutta Italia, credenti delle diverse comunità, insegnanti, ambientalisti.

Il programma del corso

Per accrediti stampa e interviste
Casacomune

Tel. 011.3841049 Mob. 342.3850062
Mail. casacomune.laudatoqui@gmail.com
www.casacomunelaudatoqui.org

Trackback dal tuo sito.

Premio Morrione

Premio Morrione Finanzia la realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale. Si rivolge a giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell’informazione.

leggi

Narcomafie

La rivista, realizzata in collaborazione con l’associazione Libera, è stata fondata nel febbraio del 1993, all’indomani delle stragi di Capaci e di via D’Amelio

Vai

Articolo 21

Articolo 21: giornalisti, giuristi, economisti che si propongono di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero (oggetto dell’Articolo 21 della Costituzione italiana da cui il nome).

Vai

I link