NEWS

Migranti-fantasmi

Tonio Dell'Olio il . L'analisi, Migranti

migranti-fantasmiVittime del lavoro nero o della delinquenza più o meno organizzata. Questo sono le migliaia di migranti-fantasmi che i Decreti “sicurezza” quotidianamente abbandona per strada.

Sono giovani carichi di speranza e con tanta voglia di lavorare per farsi un futuro e mandare qualche spicciolo a casa proprio come i nostri genitori e i nonni che emigrarono in Belgio, in Germania o nelle Americhe.

Non sono stati riconosciuti dalle Commissioni che hanno trattato sbrigativamente le loro posizioni e sono stati diniegati, rigettati, rifiutati. Ora non hanno più un centro di accoglienza disposto ad accoglierli né la possibilità di accedere a un contratto di lavoro perché per quello c’è bisogno di un permesso di soggiorno.

Stanno per strada e sono le vittime future di sfruttatori o delinquenti. Se la polizia li ferma, non li porta in un centro di permanenza perché peserebbero sulle spalle dello Stato e nemmeno potrebbero rimpatriarli perché non vi è accordo con i Paesi di provenienza e il viaggio costerebbe troppo.

E allora restano fantasmi. Per loro non c’è alternativa.

Per questo supplico e scongiuro, elemosino e imploro il governo della discontinuità, del cambiamento o come cavolo vuole definirsi, di porre mano a risanare la situazione di queste persone che sono funzionali esattamente a chi dice che l’immigrazione crea insicurezza.

Dobbiamo far capire che, al contrario, a creare insicurezza sono i decreti che, in nome della sicurezza, li consegnano alla delinquenza.

No al patto col diavolo

Mosaico di Pace

Trackback dal tuo sito.

Premio Morrione

Premio Morrione Finanzia la realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale. Si rivolge a giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell’informazione.

leggi

Narcomafie

La rivista, realizzata in collaborazione con l’associazione Libera, è stata fondata nel febbraio del 1993, all’indomani delle stragi di Capaci e di via D’Amelio

Vai

Articolo 21

Articolo 21: giornalisti, giuristi, economisti che si propongono di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero (oggetto dell’Articolo 21 della Costituzione italiana da cui il nome).

Vai

I link