NEWS

In Europa non sanno cos’è la mafia

Gian Carlo Caselli il . Giustizia, Mafie

cedu ergastolo

Per i mafiosi irriducibili al 41 bis, non pentiti, la riforma dell’ergastolo ostativo significherebbe aprire loro spazi di libertà. Una falla nell’antimafia

La “Grande chambre”, respingendo il ricorso del Governo italiano, ha di fatto confermato in via definitiva quel che la CEDU (Corte europea dei diritti dell’uomo) aveva sentenziato il 13 giugno scorso in tema di “ergastolo ostativo”.

Per l’antimafia una brutta pagina.

E’ vero che la pena deve tendere alla rieducazione del condannato, per cui l’ergastolo in generale può essere temperato concedendo alcuni benefici, ma ciò ha un senso solo quando si tratta di condannati che mostrano di volersi reinserire o almeno fanno sperare che prima o poi ci proveranno. Non è assolutamente il caso dei mafiosi irriducibili, che non si sono pentiti e perciò vengono assoggettati al regime carcerario del 41 bis.

Non lo è ontologicamente, culturalmente e strutturalmente. Perché quando si tratta di mafiosi non si può prescindere dal fatto incontestabile che essi giurano fedeltà perpetua all’associazione. Nella cosiddetta “punciuta” (la puntura dell’indice con una spina di arancio amaro, con alcune gocce di sangue che colano sull’immaginetta sacra che il nuovo affiliato tiene in mano), costui – mentre viene dato fuoco all’immaginetta – pronunzia la formula “giuro di essere fedele a Cosa nostra; possa la mia carne bruciare come questo santino se non manterrò fede al giuramento”. E tutte le esperienze, sia giudiziarie sia di studio, fanno emergere (come dato storico-culturale inoppugnabile) che chi non si pente conserva lo status di “uomo d’onore” fino alla morte. Con obbligo d’obbedienza sempre e dovunque.

L’identità mafiosa (una specie di DNA caratteriale) si manifesta come dipendenza assoluta del singolo dal clan: entità speciale, forte e coesa, che il mafioso vive come una “cintura di sicurezza” che gli assicura protezione e segretezza. Una dipendenza che fa del mafioso un “suddito”, nel quale viene inoculata una “filosofia” secondo cui uomini (non a caso “d’onore”) sono solo quelli del clan.

Quelli del mondo esterno sono individui destinati ad essere assoggettati, quasi oggetti disumanizzati che non meritano la dignità di persone, e che possono essere uccisi se creano ostacoli, senza alcun senso di colpa, con totale distacco emotivo da parte dei killer. Tutte cose che sono all’evidenza assolutamente incompatibili con ogni prospettiva di recupero, salvo che il mafioso – pentendosi – dimostri concretamente di voler disertare dall’organizzazione criminale, cessando di esserne strutturalmente parte.

Ricordare questi dati non significa cedere a logiche vendicative ispirate al “cattivismo”. Sono riflessioni basate sulla realtà. Una realtà che porta a ritenere facile la previsione che per i mafiosi irriducibili al 41 bis, non pentiti, la riforma dell’ergastolo ostativo significherebbe aprire loro spazi di libertà (permessi, lavoro esterno, misure alternative), dei quali molti saprebbero approfittare per ricominciare in un modo o nell’altro a delinquere.

Una falla nell’antimafia. Un lusso che non ci possiamo assolutamente permettere.

L’obiezione che sarà sempre un giudice a decidere caso per caso, a mio avviso è poca cosa. Nel senso che si delega alla magistratura un segmento nevralgico del contrasto alla mafia, caricandola di responsabilità esclusive pesantissime, mentre l’apparato statuale – non per colpa sua – si defila rispetto a temi che si debbono affrontare collettivamente. Un segnale di debolezza che la mafia (Dio non voglia) potrebbe cogliere per nuove criminali strategie di aggressione.

Pur col rispetto dovuto a tutte le sentenze (anche quelle della giustizia europea) non si può non osservare che la Cedu sembra aver interpretato la legge “in vitro”, come fosse un’astrazione sganciata da quel che accade nel mondo, frutto di una specie di “dimissione dalla realtà”.

Peggio, senza farsi carico di studiare e conoscere la realtà della mafia. Creando di fatto – al di là delle intenzioni –un pericolo concreto per l’Italia e un rischio per l’Europa (stante la crescente penetrazione della mafia ovunque).

Quasi a replicare il don Ferrante di Alessandro Manzoni: che negava l’esistenza della peste mentre ne stava morendo.

Huffington Post, il blog di Gian Carlo Caselli

Trackback dal tuo sito.

Premio Morrione

Premio Morrione Finanzia la realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale. Si rivolge a giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell’informazione.

leggi

Narcomafie

La rivista, realizzata in collaborazione con l’associazione Libera, è stata fondata nel febbraio del 1993, all’indomani delle stragi di Capaci e di via D’Amelio

Vai

Articolo 21

Articolo 21: giornalisti, giuristi, economisti che si propongono di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero (oggetto dell’Articolo 21 della Costituzione italiana da cui il nome).

Vai

I link