NEWS

Roma 30 settembre, “Messico in bilico”

Redazione il . Recensioni

copertina-Messico-in-bilicoSi discute molto del Muro tra Stati Uniti e Messico voluto da Trump contro i migranti, ma non si parla dei “muri” che dovrebbero essere eretti contro i traffici di armi e droga che continuano indisturbati tra nord e sud d’America, peraltro arrivando a coinvolgere sempre di più l’Europa e in particolare l’Italia.

Di questo e di tanto altro – tra testimonianze di violenza e di solidarietà, poesia e spiritualità – si occupa il libro Messico in bilico. Viaggio da vertigine nel Paese dei paradossi, di Fausta Speranza.

“Messico in bilico” ha ricevuto il Premio Giustolisi al Giornalismo di inchiesta 2018 e il 30 settembre 2019 viene presentato al Centro Studi Americani a Roma (via Caetani 32, ore 17,00). Dopo il saluto del Direttore Carlotta Ventura, ad animare il dibattito intervengono Andrea Monda, Direttore de L’Osservatore romano e Paolo Valvo, Professore di Storia Contemporanea all’Università Cattolica di Milano.

Il volume ricostruisce la geopolitica dei traffici offrendo i dati storici ed economici del Paese, riportando le storie vive di persone incontrate, assicurando il supporto e il piacere dello eccezionale spessore letterario e artistico della cultura messicana. Emergono straordinarietà e contraddizioni di un paese che affonda nella storia e abbraccia la modernità.

Il libro rappresenta uno strumento per inquadrare e comprendere notizie come quella pubblicata in questi giorni: le autorità dello Stato di Jalisco (sudovest) hanno scoperto in un pozzo in aperta campagna – nel comune di Zapopan, alle porte di Guadalajara – i resti umani di quelli che potrebbero essere centinaia di cadaveri: il condizionale è d’obbligo perché prima di essere sotterrati i corpi sono stati fatti a pezzi e finora le autorità ne hanno ricomposti solo 44. I media messicani lo hanno già ribattezzato ‘el pozo de los horrores’, ovvero il pozzo degli orrori, ma si tratta a tutti gli effetti di una fossa comune, profonda una ventina di metri.  La scoperta è stata fatta il tre settembre scorso, ma gli scavi sono finiti solo 20 giorni dopo.

Con il patrocinio di Amnesty International

Trackback dal tuo sito.

Premio Morrione

Premio Morrione Finanzia la realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale. Si rivolge a giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell’informazione.

leggi

Narcomafie

La rivista, realizzata in collaborazione con l’associazione Libera, è stata fondata nel febbraio del 1993, all’indomani delle stragi di Capaci e di via D’Amelio

Vai

Articolo 21

Articolo 21: giornalisti, giuristi, economisti che si propongono di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero (oggetto dell’Articolo 21 della Costituzione italiana da cui il nome).

Vai

I link