NEWS

Murale Ostia, le oltre 36.000 firme ignorate

Associazione Antimafia NOI il . Informazione, Lazio

ostiaLa presidente del municipio X Giuliana di Pillo questa mattina ha ricevuto il presidente dell’associazione Antimafia Noi Massimiliano Vender sulla questione murale a Lido Nord da cui è stato censurato, fra il altri, il volto della cronista Federica Angeli da sempre impegnata contro la criminalità organizzata di Ostia e per questo sotto scorta da 6 anni.

Il suo volto era stato scelto dagli studenti che avevano intrapreso con le scuole del territorio un progetto sulla legalità.

Il Movimento 5Stelle di Ostia accogliendo le proteste di Casapound ha censurato il volto della giornalista più altri cinque.

Questa mattina la presidente Di Pillo ha spiegato che l’affare murale non è più di competenza del municipio. Malgrado avesse rassicurato gli insegnanti che avevano protestato di rivedersi a settembre, la partita ormai per lei è chiusa perché non c’è più il patrocinio.

“A questo punto ci rivolgiamo a tutti i destinatari della petizione firmata da 36.000 persone (http://chng.it/h8vZ6D5j5M) per chiedere con fermezza il ripristino dei volti rimossi dal murale della stazione Lido nord. Soluzioni diplomatiche e politiche non possono essere condivise ne’ accettate in quanto ribadiamo con forza che il volto di Federica Angeli è stato ritenuto divisivo in un territorio che dovrebbe essere invece unito sul tema della lotta per la legalità e che invece continua a trovare pretesti per abbassare la testa”, così il presidente Massimiliano Vender.

Trackback dal tuo sito.

Premio Morrione

Premio Morrione Finanzia la realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale. Si rivolge a giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell’informazione.

leggi

Narcomafie

La rivista, realizzata in collaborazione con l’associazione Libera, è stata fondata nel febbraio del 1993, all’indomani delle stragi di Capaci e di via D’Amelio

Vai

Articolo 21

Articolo 21: giornalisti, giuristi, economisti che si propongono di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero (oggetto dell’Articolo 21 della Costituzione italiana da cui il nome).

Vai

I link