NEWS

Maydan richiede ai neoparlamentari EU integrazione tra Europa e Mediterraneo

Maydan Association il . Migranti

AppealPageIT-1Maydan Association invia una e-mail “flash” a tutti i 751 parlamentari europei, chiedendo una nuova politica mediterranea che promuova l’integrazione e la partnership verso un destino comune tra Europa e Mediterraneo, nel giorno della prima sessione a Strasburgo.

Questa settimana, il neoeletto Parlamento europeo si riunisce per iniziare il suo nuovo mandato. Maydan invita ed esorta i membri del Parlamento europeo – insieme ai leader e ai responsabili delle decisioni dell’UE – a cambiare prospettiva e lanciare una nuova politica per “abbracciare il Mediterraneo”, rendendo lo Spazio Euro-Med uno spazio comune di opportunità invece che fonte di contesa e divisione. Solo un “Libero e unito Mediterraneo che condivide un destino comune con l’Europa” è la premessa per lo sviluppo, la comprensione, il progresso e la stabilità reciproci nella regione.

A tal fine, è stato lanciato un Appello “Abbracciare il Mediterraneo significa salvare l’Europa”, guidato dall’Associazione Maydan, in collaborazione con numerose organizzazioni del Nord Africa, del Medio Oriente e dell’Europa. Tradotto in diverse lingue, tra cui arabo, shqip e catalano, l’Appello è stato sostenuto da oltre 80 persone provenienti da molti paesi del Mediterraneo come primi firmatari e ha raccolto il sostegno di oltre 1000 cittadini di tutta Europa e del Mediterraneo attraverso una petizione pubblica supportato da WeMoveEU.

Tra i primi firmatari: Pietro Bartolo, Leoluca Orlando, Moni Ovadia, Tiziana Ferrario, Massimo Cacciari, l’autrice egiziana Alaa Al-Aswany, l’autore e architetto palestinese Suad Amiry, il saggista francese Thierry Fabre, la professoressa della Columbia University Nadia Urbinati, il presidente del Comitato economico e sociale europeo Luca Jahier, Cantante greca, cantautrice e ex direttore generale della televisione nazionale greca Dionysis Tsaknis, ex ministro della cultura marocchino e autore Mohammed Achaari, vicesindaco di Valencia Neus Fábregas, e Entela Kasi, poeta e presidente del club PEN albanese.

Il Mediterraneo è uno spazio straordinario con una lunga storia di scambio reciproco e di arricchimento tra i popoli. Di recente, è stato diviso e trasformato in una frontiera in cui le persone da una parte vengono lasciate morire o sono oppresse invece di diventare parte di un processo di formazione per un destino comune. Negli ultimi anni, il Mediterraneo è diventato il confine più custodito dell’UE. Non era così in passato. Per secoli, il Mar Mediterraneo è stato uno spazio comune che ospitava un patrimonio culturale e naturale unico, dove stili di vita, lingue e abitudini alimentari erano forgiati insieme, con uno straordinario potenziale umano in scienze, cultura, sviluppo economico, spiritualità, lavoro e creatività.

Oggi viviamo di fatto un nuovo conflitto globale, che mette in relazione culture e identità religiose l’una con l’altra. Soffoca le aspirazioni dei popoli per la libertà e la giustizia in nome della crescita e dell’interesse nazionale e spinge le famiglie a fuggire dalla disperazione, crea confini tra le persone e nega il diritto naturale alla mobilità. Il fronte più caldo di questa “guerra inventata” attraversa il Mediterraneo.

Questo invito mira a rendere il Mediterraneo di nuovo una comunità, facendo appello ai neo-eletti deputati per aiutare a sostenere una conversazione aperta, leale e onesta sulle relazioni euromediterranee. “Ciò di cui abbiamo bisogno ora è una visione chiara e comune per l’Europa e il Mediterraneo, che si traduca in un’iniziativa di dialogo su scala regionale e in un processo costituzionale di ampia portata che coinvolga i cittadini e le comunità delle due sponde. Impossibile se l’Europa guarda solo a se stessa, in termini di modello di sviluppo, di politiche di immigrazione, di ambiente, di opportunità di lavoro e benessere, di consolidamento degli spazi democratici, di lotta al terrorismo, contro i nazionalismi basati sull’odio”, conclude l’Appello.

Per maggiori informazioni: media@maydan-association.org / www.maydan-association.org

Trackback dal tuo sito.

Premio Morrione

Premio Morrione Finanzia la realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale. Si rivolge a giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell’informazione.

leggi

Narcomafie

La rivista, realizzata in collaborazione con l’associazione Libera, è stata fondata nel febbraio del 1993, all’indomani delle stragi di Capaci e di via D’Amelio

Vai

Articolo 21

Articolo 21: giornalisti, giuristi, economisti che si propongono di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero (oggetto dell’Articolo 21 della Costituzione italiana da cui il nome).

Vai

I link