NEWS

Roma 23 giugno, in ricordo di Mario Amato

il . Brevi, Lazio

stele amatoDomenica 23 giugno alle ore 10:25 nel trentanovesimo anniversario della scomparsa del Magistrato Mario Amato, già Pubblico Ministero presso il Tribunale di Roma, caduto vittima del terrorismo, verrà effettuata la commemorazione presso la stele in suo onore in Viale Jonio, 272 a Roma, nel luogo dove avvenne l’attentato.

0re 10,25 Deposizione di una corona da parte del Comune di Roma

Interventi:

ore 10,30 Federica Rampini, Rappresentante Comitato promotore

0re 10,40 Rappresentante dell’Amministrazione capitolina

ore 10,50 Rappresentante dell’Associazione Nazionale Magistrati

ore 11,00 on. Paolo Bolognesi, Presidente Associazione 2 Agosto

Nei primi giorni del 2010 su iniziativa di alcuni cittadini del Municipio Roma III si è costituito il “Comitato per la commemorazione del giudice Mario Amato”, nella ricorrenza del trentesimo anno dal suo omicidio.

Elemento di coagulo è stata la volontà di creare una testimonianza visiva di quanto accaduto il 23 giugno del 1980. Testimonianza dovuta sia a chi ha perso la vita per assolvere il suo dovere istituzionale sia alle generazioni future, affinché non si perda la memoria di ciò che è stato, anche all’interno del Municipio Roma III in cui il giudice per tre anni ha vissuto i suoi affetti, le sue relazioni sociali e dove ancora oggi vive la sua famiglia.

Con il supporto istituzionale sia dell’allora Consiglio del IV Municipio sia della Sovrintendenza dei Beni Culturali del Comune di Roma, il progetto si è concretizzato in una stele commemorativa, opera dell’artista Antonio Di Campli, installata nel luogo dove avvenne l’assassinio e fatta con la stessa “pietra della Maiella” utilizzata per le sculture che ad Ari, “paese della Memoria”, ricordano e onorano chi si è sacrificato nell’adempimento del proprio dovere.

Francesco Avallone
Presidente Comitato Promotore

Trackback dal tuo sito.

Premio Morrione

Premio Morrione Finanzia la realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale. Si rivolge a giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell’informazione.

leggi

Narcomafie

La rivista, realizzata in collaborazione con l’associazione Libera, è stata fondata nel febbraio del 1993, all’indomani delle stragi di Capaci e di via D’Amelio

Vai

Articolo 21

Articolo 21: giornalisti, giuristi, economisti che si propongono di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero (oggetto dell’Articolo 21 della Costituzione italiana da cui il nome).

Vai

I link