NEWS

Segen

Tonio Dell'Olio il . L'analisi, Migranti

Tesfalidet-Tesfom-al-momento-dello-sbarcoSe avessi visto solo il volto di Tesfalidet Tesfom detto Segen, senza il contesto, avrei detto: è un’immagine di repertorio di un sopravvissuto a un campo di sterminio nazista.

Invece Segen era un cittadino eritreo e quella foto è stata scattata al momento del suo approdo a Pozzallo il 12 marzo 2018 a bordo della Proactiva (Open Arms).

Pesava 36 chili, era denutrito e non si reggeva in piedi. Un polmone era perforato dalla tubercolosi, avrebbero poi accertato in ospedale. Morirà il giorno dopo e i medici dell’ospedale di Modica, dov’era stato ricoverato, avrebbero trovato due poesie scritte meticolosamente a mano nel portafogli.

L’amico che era riuscito ad andare a fargli visita riferisce: “Mi ha detto con un filo di voce che erano tutti ammassati in una stanza nel campo di detenzione a Bani-Walid, urinavano e facevano i bisogni nella stessa stanza, le donne subivano violenze sessuali, gli uomini venivano picchiati, nessuno poteva lavarsi e gli davano da mangiare una, due volte al giorno”.

Anche ai medici continuava a ripetere: “Libia, Libia”.

Nel cimitero di Modica c’è ora una piccola tomba con una croce di pietra grezza e il suo nome scritto in modo incerto con una matita.

In questa Giornata mondiale del rifugiato, è attraverso gli occhi di Segen che vogliamo ricordare quell’umanità calpestata e senza attracchi.

Le due poesie di Segen

Mosaico di Pace

Trackback dal tuo sito.

Premio Morrione

Premio Morrione Finanzia la realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale. Si rivolge a giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell’informazione.

leggi

Narcomafie

La rivista, realizzata in collaborazione con l’associazione Libera, è stata fondata nel febbraio del 1993, all’indomani delle stragi di Capaci e di via D’Amelio

Vai

Articolo 21

Articolo 21: giornalisti, giuristi, economisti che si propongono di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero (oggetto dell’Articolo 21 della Costituzione italiana da cui il nome).

Vai

I link