NEWS

La città di Favara incontra Paolo Borrometi

Redazione il . Recensioni, Sicilia

Locandina Incontro con Paolo BorrometiL’Ordine Francescano Secolare, insieme ai frati minori del convento di Favara, organizzano per domani, mercoledi  22 maggio – ore 10.30 presso la “sala teatro San Francesco”, Favara (Ag) – un incontro con la città dal titolo  “Ogni volta che dici la verità sali uno scalino verso la libertà … il bene più prezioso”.

Testimone della giornata sarà Paolo Borrometi, giornalista e scrittore modicano, autore del libro “Un morto ogni tanto”, sotto scorta dall’agosto del 2014 a causa di continue minacce ed aggressioni subite dopo la diffusione dell’inchiesta che portò allo scioglimento del comune di Scicli per infiltrazioni mafiose.

Saranno presenti ed interverranno: il Prefetto di Agrigento Dario Caputo; il Procuratore Capo del Tribunale dei minori di Caltanissetta Laura Vaccaro;  il Sindaco di Favara Anna Alba; il postulatore della causa di beatificazione del servo di Dio Rosario Livatino, don Giuseppe Livatino; le istituzioni politiche, militari e sociali di Favara. Le rappresentanze di tutti gli Istituti scolastici della città che avranno, inoltre, uno spazio per rappresentare il “desiderio di una società più giusta e libera”.

“E’ fondamentale – dice Carmelo Vitello, Ministro dell’OFS di Favara ed organizzatore dell’evento – ricordare a tutti l’importanza della legalità e del rispetto delle regole, il netto rifiuto di qualsiasi logica criminale e mafiosa e l’importanza di essere uomini e donne liberi. E’ per noi un onore accogliere Paolo Borrometi perché – spiega Vitello –  testimone concreto e credibile di questo impegno. Tutti insieme possiamo fare qualcosa: sensibilizzare per non dimenticare il valore della legalità ed aspirare con convinzione un futuro migliore libero da ogni condizionamento”.

Trackback dal tuo sito.

Premio Morrione

Premio Morrione Finanzia la realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale. Si rivolge a giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell’informazione.

leggi

Narcomafie

La rivista, realizzata in collaborazione con l’associazione Libera, è stata fondata nel febbraio del 1993, all’indomani delle stragi di Capaci e di via D’Amelio

Vai

Articolo 21

Articolo 21: giornalisti, giuristi, economisti che si propongono di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero (oggetto dell’Articolo 21 della Costituzione italiana da cui il nome).

Vai

I link