NEWS

Il giuramento

Redazione il . Recensioni

il-giuramento_WEB-blindLe teste si possono tagliare o contare. Nel 1931 il regime fascista scelse entrambe le soluzioni e impose a tutti i professori universitari un giuramento di fedeltà al duce. Giurarono in 1238. Solo in dodici si rifiutarono.

Questo è il racconto di uno di quei dodici, ed è liberamente ispirato alla figura di Mario Carrara, medico legale, uno dei primi a rifiutare il freddo censimento con cui Lombroso aveva insegnato a catalogare gli uomini e le anime.

Mentre l’università celebra il concetto della razza, le carriere si fanno con la tessera del partito, gli studenti indossano le camicie nere anche a lezione, Carrara intuisce l’agonia scellerata del Paese e quando il rettore gli comunica data e prescrizioni del giuramento, ossia fedeltà al re e a Mussolini, capisce di non poterlo fare.

Non per puntiglio ideologico ma per sentimento di decenza. Perché quel giuramento è anzitutto ridicolo, grottesco, fasullo. In una parola: indecente.

Ne “Il giuramento” luoghi, amori, solitudini e passioni sono frutto della fantasia di Claudio Fava. Il resto, no. Carrara scelse di non giurare e ne pagò le conseguenze, senza poter conoscere la fine del fascismo e della guerra: morì in carcere, nel 1937, a 71 anni.

Fino all’ultimo giorno di vita continuò a lavorare al suo Manuale di medicina legale «…con animo sgombro da ogni preoccupazione e con quella libertà di indirizzo che è necessaria ad ogni attività del pensiero», come ci ha lasciato scritto.

In un tempo di nuovi e oscuri conformismi, le scelte di dignità di Carrara – e degli altri che, con lui, non giurarono – restano per tutti noi esempi forti, necessari. E dolorosamente attuali.

Claudio Fava
Il giuramento
ADD Editore, Torino 2019
Pagg. 128, € 14.00

Trackback dal tuo sito.

Premio Morrione

Premio Morrione Finanzia la realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale. Si rivolge a giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell’informazione.

leggi

Narcomafie

La rivista, realizzata in collaborazione con l’associazione Libera, è stata fondata nel febbraio del 1993, all’indomani delle stragi di Capaci e di via D’Amelio

Vai

Articolo 21

Articolo 21: giornalisti, giuristi, economisti che si propongono di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero (oggetto dell’Articolo 21 della Costituzione italiana da cui il nome).

Vai

I link