NEWS

Ecco l’agenda di CHANCHE, rete europea promossa da Libera

Libera il . Associazioni, Mafie

ciotti brusselsUna nuova agenda l’agenda politica contro il crimine organizzato e corruzione, è stata presentata da Libera a Bruxelles lo scorso 3 aprile, nella sede dell’Euroassemblea, alla vigilia dell’inizio della IX Legislatura del Parlamento Europeo, per soffermarsi sull’analisi del contesto sociale e culturale presente in Europa e discutere di nuove proposte da costruire a livello transnazionale in tema di sicurezza e giustizia sociale.

Tra le proposte della nuova agenda politica di Libera: la rielaborazione della definizione di “criminalità organizzata”; il rilancio di una collaborazione diretta tra la società civile e le istituzioni europee; la confisca dei beni criminali; il rafforzamento della protezione delle vittime; la promozione di una iniziativa legislativa nell’Ue in materia di protezione dei testimoni.

Inoltre Libera chiede anche il potenziamento della lotta al riciclaggio; una strategia “più incisiva” contro il traffico di droga; la cooperazione “più efficiente” nella lotta al traffico di esseri umani; il contrasto al crimine contro l’ambiente; la lotta al commercio di armi. Ogni proposta è declinata in un progetto o iniziativa legislativa su scala Ue.

Nell’occasione è stata presentata anche “Chance, Civil Hub Against orgaNised Crime in Europe”, una rete europea, perché occorre costruire reti, dare risposte globali a un problema globale, che è la criminalità organizzata.

Our CHANCHE in Europe“Chance – ha ribadito Luigi Ciotti, presidente di Libera, presente a Bruxelles vuol dire opportunità. Ecco, siamo qui per questo, per costruire, insieme, una nuova opportunità per contrastare il crimine organizzato, le mafie, la corruzione, che “sono parassiti della società e del sistema economico. Serve un risveglio delle coscienze. C’è bisogno di un’opera quotidiana di cittadini capaci di tradurre la voglia di cambiamento in forza di cambiamento. Oggi il futuro ci chiede di uscire dalle nostre paure, il futuro ci chiede di andargli incontro”.

“Ciascuno deve fare la propria parte – ha concluso don Ciotti per contrastare sistemi mafiosi e corruttivi che si insinuano nella società e prima ancora nelle nostre coscienze. Per far questo, dobbiamo puntare sulla corresponsabilità, su atti e comportamenti quotidiani virtuosi, su un’etica incarnata nella vita quotidiana. È il linguaggio della democrazia, appunto il linguaggio della corresponsabilità. Il vocabolario del noi”.

CHANCE Political Agenda 2019 EN

L’Europa contro le mafie. Don Ciotti porta a Bruxelles l’agenda “Chance”

Trackback dal tuo sito.

Premio Morrione

Premio Morrione Finanzia la realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale. Si rivolge a giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell’informazione.

leggi

Narcomafie

La rivista, realizzata in collaborazione con l’associazione Libera, è stata fondata nel febbraio del 1993, all’indomani delle stragi di Capaci e di via D’Amelio

Vai

Articolo 21

Articolo 21: giornalisti, giuristi, economisti che si propongono di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero (oggetto dell’Articolo 21 della Costituzione italiana da cui il nome).

Vai

I link