NEWS

Milano 11 aprile, “L’eredità degli anni di piombo”

Redazione il . Brevi, Lombardia

gli anni di piombo

Giovedì 11 aprile, alle ore 14.30, presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano (Aula NI.110, Via Nirone 15), si terrà l’evento dal titolo «L’eredità degli Anni di Piombo. Promuovere processi di rielaborazione tra memorie traumatiche e oblii» promosso dal Dipartimento di Psicologia, in collaborazione con l’Associazione Carlo Perini e l’Ordine degli Avvocati di Milano.

Introdurrà l’incontro il vicesindaco di Milano, la dott.ssa Anna Scavuzzo.

Gli interventi di Virginio Rognoni (già Ministro della Repubblica Italiana), Armando Spataro (già procuratore della Repubblica a Torino e già procuratore aggiunto a Milano), Camillo Regalia (direttore del Centro di Ateneo Studi e Ricerche sulla Famiglia e professore ordinario di Psicologia Sociale presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore) e Giovanni Bianconi (giornalista) rifletteranno sull’eredità attuale degli Anni di Piombo in un’ottica interdisciplinare di carattere socio-politica, giuridica e psicologica.

La tavola rotonda, a cui parteciperanno Alessandra Galli (magistrato), Debora Bornazzini (imprenditrice) e Alberto Di Cataldo (dirigente amministrativo), offrirà una condivisione di percorsi e processi di rielaborazione sociale a partire dalle differenti storie traumatiche vissute.

Concluderanno l’incontro gli interventi di Matteo Dendena (vicepresidente dell’Associazione Piazza Fontana 1969) e Giovanna Leone (professore ordinario di Psicologia Sociale presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”) che si soffermeranno su aspetti inerenti ai processi di rielaborazione delle memorie collettive.

L’evento è stato accreditato dall’Ordine degli Avvocati di Milano con l’assegnazione di tre crediti formativi.

L’eredità degli anni di piombo_Milano 11 aprile

“Nessuno tocchi Caino, ma nessuno dimentichi Abele”

Trackback dal tuo sito.

Premio Morrione

Premio Morrione Finanzia la realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale. Si rivolge a giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell’informazione.

leggi

Narcomafie

La rivista, realizzata in collaborazione con l’associazione Libera, è stata fondata nel febbraio del 1993, all’indomani delle stragi di Capaci e di via D’Amelio

Vai

Articolo 21

Articolo 21: giornalisti, giuristi, economisti che si propongono di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero (oggetto dell’Articolo 21 della Costituzione italiana da cui il nome).

Vai

I link