NEWS

Limana, la camminata della legalità

Monica Andolfatto il . Veneto

IMG-20190329-WA0002Una camminata della legalità serale in un piccolo paesino al centro della Valbelluna, di appena 5.300 abitanti, tanto caro a Dino Buzzati.

Succede a Limana, a pochi chilometri da Belluno, dove l’Amministrazione comunale della sindaca Milena De Zanet ha intitolato due vie ad altrettante vittime della mafia.

Così il corteo composto dai ragazzini e dalle ragazzine delle medie con la bandiera di Libera ha toccato prima via Giovanni Falcone e poi via Paolo Borsellino: in entrambi i casi la deposizione di un mazzo di fiori preceduta dalla lettura di un breve ritratto dei due magistrati.

Un percorso simbolico che viene fatto ogni anno e che si inserisce nelle iniziative dedicate alla Giornata nazionale della memoria e dell’impegno organizzata ormai da 24 anni dall’associazione presieduta dal fondatore don Luigi Ciotti.

IMG-20190329-WA0003La serata si  è conclusa con un dibattito su “Le mafie e il Nordest” aperto a tutta la popolazione, preceduta dalla lettura dei nomi di persone uccise dalla criminalità organizzata con la proiezione delle foto e una scheda sintetica della loro vita e e della loro morte, frutto del lavoro svolto in classe dagli alunni: Piersanti Mattarella, Gaetano Costa, Pio La Torre, Carlo Alberto dalla Chiesa, Giuseppe Impastato, Rocco Chinnici, Mauro Rostagno, Libero Grassi, Don Pino Puglisi, Giuseppe Di Matteo e Ninni Cassarà.

Con Libera, la buona informazione contro l’illegalità

“Il 21 marzo a Padova i giornalisti saranno con Libera”

Trackback dal tuo sito.

Premio Morrione

Premio Morrione Finanzia la realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale. Si rivolge a giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell’informazione.

leggi

Narcomafie

La rivista, realizzata in collaborazione con l’associazione Libera, è stata fondata nel febbraio del 1993, all’indomani delle stragi di Capaci e di via D’Amelio

Vai

Articolo 21

Articolo 21: giornalisti, giuristi, economisti che si propongono di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero (oggetto dell’Articolo 21 della Costituzione italiana da cui il nome).

Vai

I link