NEWS

FNSI contro il precariato, 10 dicembre

Fnsi il . Brevi

di maio«Il taglio dei fondi a Radio Radicale, che ne provocherà la chiusura e la perdita di posti di lavoro, dimostra chiaramente quale sia l’approccio del governo nei confronti dell’informazione. L’obiettivo è eliminare il numero più alto possibile di voci per ammazzare il pluralismo», rilevano sindacato e Ordine. Appuntamento alle 11 in via Veneto, angolo via Molise, a Roma.

Il taglio dei fondi a Radio Radicale, che ne provocherà la chiusura e la perdita di posti di lavoro, dimostra chiaramente quale sia l’approccio del governo nei confronti dell’informazione. L’obiettivo è eliminare il numero più alto possibile di voci per ammazzare il pluralismo. Nel frattempo si impugna la bandiera della lotta al precariato, ma solo come arma di distrazione di massa.

Contro la mistificazione e la propaganda messa in atto dal Movimento 5 Stelle, Federazione nazionale della Stampa italiana e Ordine dei giornalisti si riuniranno in assemblea pubblica il prossimo 10 dicembre, alle 11, davanti al ministero dello Sviluppo Economico, in via Veneto (angolo via Molise), a Roma.

A poche settimane dai flash mob ‘Giù le mani dall’informazione’, che hanno mobilitato centinaia di giornalisti e tanta gente comune in tutta Italia, sindacato e Ordine tornano in piazza per sensibilizzare le istituzioni sulla necessità di una informazione davvero libera e indipendente, dagli attacchi della politica e dalle condizioni sempre più penalizzanti del mercato del lavoro giornalistico.

«Il ministro Di Maio ha convocato Fnsi e Cnog per il 10 dicembre e noi il 10 dicembre saremo davanti al suo ministero. Il tavolo sull’equo compenso, così come concepito dal ministro, è un chiaro tentativo di strumentalizzazione della parte più debole della categoria e di delegittimazione degli organismi collettivi dei giornalisti», rilevano sindacato e Ordine.

«Dopo aver insultato pesantemente l’intera categoria e auspicato la chiusura di alcuni giornali – proseguono –, Di Maio, oltre a non aver mai chiesto scusa, pensa di poter cavalcare il tema del precariato, dimenticando che il suo governo sta lavorando a un provvedimento, il taglio del fondo per l’editoria, che farà crescere ulteriormente il numero dei precari. Inoltre crede, sbagliando, di poter umiliare gli organismi della categoria chiamando al tavolo non meglio identificate libere associazioni di precari».

Di Maio e Crimi: «Così taglieremo il fondo per l’editoria». Fnsi e Cnog: «Hanno gettato la maschera»

Riduzione del 25 per cento a partire dal 2019 per arrivare all’azzeramento nel 2022. «L’emendamento sarà presentato in Senato», annuncia il vicepremier. «L’unico risultato sarà la chiusura di alcuni giornali e la perdita di numerosi posti di lavoro. Una ragione in più per rispondere alla convocazione del ministro con un’assemblea davanti al Mise», ribattono sindacato e Ordine.
I fondi per l’editoria saranno gradualmente tagliati a partire dal 2019 per arrivare all’azzeramento nel 2022. Ad annunciarlo sono prima il sottosegretario Crimi, nel salernitano per la consegna di un premio giornalistico, e poi il vicepremier Di Maio, al termine del vertice di governo sulla manovra. «Faremo un taglio graduale all’editoria, nostra grande battaglia. Si farà un primo taglio del 25% nel 2019 di fondi per l’editoria, il 50% nel 2020 e il 75% nel 2021. Fino a che nel 2022 non ci saranno più fondi per l’editoria, in modo tale che tutti i giornali possano stare sul mercato e non godere più di concorrenza sleale da alcuni giornali che prendono invece soldi pubblici», dice il ministro, anticipando che l’emendamento sarà presentato in Senato.

«Il trionfalismo con cui il vicepremier Luigi Di Maio e il sottosegretario con delega all’Editoria, Vito Crimi, annunciano il taglio del fondo per il pluralismo sono l’ennesima conferma della volontà del Movimento 5 Stelle di colpire l’informazione. Di Maio e Crimi hanno gettato la maschera: vogliono ridurre le voci, indebolire il pluralismo, nell’illusione di cancellare le voci critiche e manipolare il consenso dei cittadini», commentano Federazione nazionale della Stampa italiana e Ordine dei giornalisti.

«L’unico risultato di questa operazione – proseguono – sarà la chiusura di alcuni giornali e la perdita di numerosi posti di lavoro. In questo scenario diventa sempre più chiara la portata strumentale e propagandistica del tentativo del vicepremier Di Maio di discutere di lavoro precario con Fnsi e Ordine. Non si può discutere di lotta al precariato con chi, con i suoi provvedimenti, creerà altri precari».

Una ragione in più, concludono i rappresentanti dei giornalisti italiani, «per rispondere alla convocazione del ministro con un’assemblea davanti alla sede del Mise, lunedì prossimo, 10 dicembre, a partire dalle 11».

Trackback dal tuo sito.

Premio Morrione

Premio Morrione Finanzia la realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale. Si rivolge a giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell’informazione.

leggi

Narcomafie

La rivista, realizzata in collaborazione con l’associazione Libera, è stata fondata nel febbraio del 1993, all’indomani delle stragi di Capaci e di via D’Amelio

Vai

Articolo 21

Articolo 21: giornalisti, giuristi, economisti che si propongono di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero (oggetto dell’Articolo 21 della Costituzione italiana da cui il nome).

Vai

I link