NEWS

La morra cinese

Davide Mattiello il . Mafie

La sede della Commissione antimafiaDomandare è lecito alla presidenza della Commissione Antimafia.
Rispondere, un dovere morale e politico.

Si è composta la presidenza della Commissione parlamentare Antimafia, vorrei dire “finalmente”, ma non me la sento, perché l’esito è inquietante e non basta riempire un vuoto istituzionale purchessia per cantare vittoria. Anzi.

Il presidente è il Senatore 5Stelle Morra che nella scorsa Legislatura, pur essendo già Senatore, non faceva parte della Commissione Antimafia.

Vice presidenti: Jole Santelli, coordinatrice di Forza Italia in Calabria, fedelissima, come lei stessa ha recentemente e fieramente ribadito, di Silvio Berlusconi e Christian Solinas, del Partito Sardo d’Azione, molto legato a Salvini, che infatti lo sponsorizza alla Presidenza della Sardegna, noto alle cronache per aver vantato una Laurea patacca, in stile Trota.

Segretari di Commissione: Wanda Ferro, calabrese, legata a Berlusconi anche se recentemente passata a Fratelli d’Italia e Gianni Tonelli, leader del SAP (Sindacato di destra della Polizia) eletto grazie a Salvini, noto per le sue posizioni, diciamo “crude”, su Cucchi e altri drammi simili.

Quindi: Movimento 5 Stelle 1, Destra 4. Di cui 2 chiaramente legati a Berlusconi e due a Salvini (che è a sua volta legato a Berlusconi per diverse faccende). Centro Sinistra: non pervenuto.

Tralascio ogni considerazione di natura politica su un esito che pare molto simile a quello che ha portato alla elezione dei presidenti di Camera e Senato e che rende plastica la sopravvissuta centralità di Berlusconi nella scena politica italiana, ovvero: nessuna di soluzione di continuità tra il sistema di potere che si è imposto in Italia nella stagione ’92-’94 e quello che la governa oggi, con buona pace dei 5Stelle.

L’elezione di Salvini nel collegio di Reggio Calabria grazie soprattutto all’impegno di Scopelliti, resta per me il segno più evidente di questa continuità infausta.

Mi soffermo invece su alcune domande che rivolgo al Presidente Morra.

L’attuale maggioranza ha approvato una modifica al Codice Antimafia, che prevede la possibilità di vendere all’asta ai privati i beni confiscati alla mafia. Mai prima d’ora in questo modo. Questa possibilità, formalmente presentata come estrema ratio, diventerà molto probabilmente la norma nella prassi applicativa: sarà molto più comodo infatti lasciar spirare i termini di 90-180 giorni entro i quali devono manifestarsi le disponibilità di soggetti istituzionali o sociali a gestire il bene confiscato, prendere atto dell’assenza di proposte e mettere all’asta. La modalità con la quale si realizzerà il meccanismo di vendita nulla potrà contro i prestanome dei mafiosi, che avranno buon gioco a riprendersi i beni immobili ed aziendali, mantenendo saldo il potere e il prestigio sul territorio. Cosa Pensa il Presidente di questa norma?

Il Parlamento ha finalmente ratificato il Trattato di cooperazione giudiziaria e di estradizione con gli Emirati Arabi, un lavoro lungo e complicato cominciato su sollecitazione nostra nel 2014, portato avanti dal Ministro Orlando e perfezionato in finale di XVII Legislatura. Un Trattato fondamentale per evitare che gli Emirati Arabi continuino ad essere il paradiso dei latitanti italiani e tra questi di uno in particolare: Amedeo Matacena. Già deputato di Forza Italia, condannato in via definitiva per concorso esterno in associazione mafiosa, protagonista della prima stagione di Forza Italia in Calabria, della cui latitanza i magistrati reggini si occupano traendo spunto dalle carte di una delle più importanti inchieste della DDA di Reggio Calabria, Breakfast, che riguarda l’intreccio di interessi e relazioni tra estrema destra (alludo a Guaglianone già tesoriere dei NAR), ‘ndrangheta e personaggi della Lega Nord, ai vertici del sistema fino a pochi anni fa (alludo a Mafrici e Belsito) e lambisce personalità di spicco come Scajola (già Ministro dell’Interno, attualmente Sindaco di Imperia). Cosa intende fare il Presidente Morra per sollecitare l’applicazione del Trattato ed in particolare l’estradizione di Amedeo Matacena?

Il Parlamento ha finalmente a disposizione alcune sentenze di fondamentale importanza per fare luce sul quello che è il nodo irrisolto del rapporto Stato mafia in Italia: la stagione 1989-1994. A cominciare da quella ormai definitiva (2014), che ha condannato Marcello Dell’Utri come concorrente esterno di Cosa Nostra, fino a quelle di primo grado dei processi “Trattativa” e “Borsellino quater”, le cui motivazioni ormai depositate servono eccome a comporre il puzzle delle relazioni politiche, economiche e criminali che hanno fatto la storia di quegli anni e che in gran parte continuano a farla anche oggi. La responsabilità penale pretende il terzo grado di giudizio, quella politica un po’ di coraggio. Cosa intende fare il Presidente Morra su questo punto?

Sta per iniziare uno dei processi più dolorosi, legato a quello che è stato definito dalla magistratura giudicante “il più grave depistaggio della storia repubblicana”: il processo che vede imputati tre funzionari di polizia (Bo, Mattei e Ribaudo) per la vicenda Scarantino. Sarebbe di fondamentale importanza, come più volte chiesto anche da Fiammetta Borsellino, che i tre dicessero tutto quello che sanno una volta per tutte (come potrebbe ancora fare Contrada). Rompendo una subdola forma di omertà che pare essere più resistente ancora di quella interna alla mafia: quella determinata dall’appartenenza agli apparati di sicurezza. Come ha recentemente deciso di fare Francesco Tedesco, il carabiniere testimone del pestaggio subito da Stefano Cucchi. Noi crediamo che sia da incoraggiare questo sforzo, perché “eroe” è chi punta il dito e fa i nomi, non chi sta zitto per paura e convenienza. Il Presidente intende prendere una posizione su questo punto, sostenendo scelte di questo tipo?

Trackback dal tuo sito.

Premio Morrione

Premio Morrione Finanzia la realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale. Si rivolge a giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell’informazione.

leggi

Narcomafie

La rivista, realizzata in collaborazione con l’associazione Libera, è stata fondata nel febbraio del 1993, all’indomani delle stragi di Capaci e di via D’Amelio

Vai

Articolo 21

Articolo 21: giornalisti, giuristi, economisti che si propongono di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero (oggetto dell’Articolo 21 della Costituzione italiana da cui il nome).

Vai

I link