NEWS

Al Prix Italia in anteprima le inchieste del Premio Morrione

Premio Roberto Morrione il . Brevi

prix italiaIeri a Capri al Prix Italia sono stati svelati i titoli e i temi affrontati dalle quattro inchieste finaliste della settima edizione del Premio Roberto Morrione per il giornalismo investigativo.

Per la categoria video inchiesta sono:

  • CARO CORDONE di Veronica Di Benedetto Montaccini e Francesca Candioli, inchiesta sulla conservazione di cellule staminali cordonali in Italia; tutor Federico Ruffo
  • DOPPIA IPOCRISIA di Madi Ferrucci, Flavia Grossi, Roberto Persia, inchiesta sul commercio d’armi utilizzate per bombardare i civili in Yemen; tutor Paolo Mondani

Per la categoria webdoc sono:

  • LE CREPE DEL MARMO di Marco Carlone, Elena Pagliai, Daniela Sestito, inchiesta sulle problematiche legate al mondo del marmo; tutor Amalia De Simone
  • WELCOME TO YOUR GIG di Lorenzo Pirovano e Giovanni Sacchi, inchiesta sull’ancora poco conosciuto mondo della gig economy; tutor Celia Guimaraes

“Oggi a Capri abbiamo concretizzato nel migliore dei modi la collaborazione tra il Premio Morrione e il Prix Italia, mettendo al centro dell’attenzione i nuovi talenti del giornalismo investigativo con la presentazione delle quattro inchieste finaliste di questa edizione del nostro concorso. Gli autori, tutti under 31, hanno affrontato temi attuali e scottanti che riguardano tutti noi, confermando l’intuizione di Roberto Morrione di puntare sui giovani per illuminare gli angoli nascosti della nostra realtà” hanno dichiarato Mara Filippi Morrione, portavoce dell’associazione Amici di Roberto Morrione, e Karina Guarino Laterza, Segretario Generale Prix Italia.

Nella giornata caprese i finalisti del Premio Morrione hanno avuto l’occasione di incontrare i giornalisti internazionali del gruppo investigativo dell’EBU European Broadcasting Union.

Trackback dal tuo sito.

Premio Morrione

Premio Morrione Finanzia la realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale. Si rivolge a giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell’informazione.

leggi

Narcomafie

La rivista, realizzata in collaborazione con l’associazione Libera, è stata fondata nel febbraio del 1993, all’indomani delle stragi di Capaci e di via D’Amelio

Vai

Articolo 21

Articolo 21: giornalisti, giuristi, economisti che si propongono di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero (oggetto dell’Articolo 21 della Costituzione italiana da cui il nome).

Vai

I link