NEWS

Fino alla “Fine del mondo” per Lea Garofalo

Libera il . Lombardia

cammino santiago lea101 giorni e 2.163 km a piedi lungo il Cammino di Santiago di Compostela in un’esperienza di memoria e impegno

Ogni anno sono oltre 200mila persone, credenti e laici, giovani e meno giovani, in gruppo o da soli, che da tutta Europa e da tutto il mondo percorrono il cammino di Santiago di Compostela: chilometri e chilometri di strade e sentieri tra la Francia e la Spagna che portano alla “Fine del mondo”, a Finisterre, in Galizia, sull’oceano Atlantico.

Quest’anno, tra i pellegrini c’erano anche Valerio e Valentino, due amici accomunati dalla passione per il trekking. Partiti il 18 aprile scorso da Carnate, in provincia di Monza e Brianza, in 101 giorni hanno percorso 2.163 chilometri lungo il cammino con l’obiettivo di tenere viva la memoria di Lea Garofalo, testimone di giustizia uccisa il 24 novembre 2009.

Sin dal Medioevo, i pellegrini che giungevano a Finisterre compivano alcuni gesti simbolici in segno di ringraziamento e purificazione: immergersi nell’oceano, bruciare i vestiti e gli oggetti del viaggio e raccogliere le conchiglie lungo la costa. Anche Valerio e Valentino hanno compiuto un gesto simbolico, di memoria e impegno.

Noi non butteremo niente, ma lasceremo solo un piccolo segno, un’immagine: il volto sorridente di una donna calabrese coraggiosa che ha “visto, sentito, parlato”. Perché la sua scelta è una lezione di vita per tutti coloro i quali vogliono vedere, sentire, conoscere, e impegnarsi tutti i giorni, per sconfiggere le mafie che schiacciano la libertà di tutte e tutti.

Giunti alla Fine del mondo hanno dunque lasciato una foto di Lea Garofalo per far conoscere ai pellegrini la sua storia.

Libera

Trackback dal tuo sito.

Premio Morrione

Premio Morrione Finanzia la realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale. Si rivolge a giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell’informazione.

leggi

Narcomafie

La rivista, realizzata in collaborazione con l’associazione Libera, è stata fondata nel febbraio del 1993, all’indomani delle stragi di Capaci e di via D’Amelio

Vai

Articolo 21

Articolo 21: giornalisti, giuristi, economisti che si propongono di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero (oggetto dell’Articolo 21 della Costituzione italiana da cui il nome).

Vai

I link