NEWS

Processo omicidio Rocchelli, accolta la costituzione di parte civile di Fnsi e Alg

Fnsi il . Informazione

rocchelliLa Corte d’Assise di Pavia ha riconosciuto a Federazione nazionale della Stampa italiana e Associazione Lombarda dei Giornalisti il diritto di costituirsi parte civile nel processo per l’assassinio di Andrea Rocchelli, il fotoreporter italiano ucciso in Ucraina, insieme con Andrej Mironov, il 24 maggio 2014.

«Una decisione importante e innovativa, perché Rocchelli non era giornalista quando è stato ucciso. In questo caso, però, viene riconosciuto il principio che con il suo assassinio è stato leso l’articolo 21 della Costituzione e dunque il diritto di informare e di essere informati. Una decisione che apre una strada inedita», commentano il presidente e il segretario generale della Fnsi, Giuseppe Giulietti e Raffaele Lorusso e il presidente dell’Alg, Paolo Perucchini.

«Il sindacato – proseguono – continuerà a seguire le udienze del processo sino a quando non saranno fatte verità e giustizia. Perché, in questo come in tanti altri casi, non si tratta di questioni che riguardano le sole famiglie: coinvolgono ciascuno di noi, giornalista o meno, e la stessa dignità nazionale. Un ringraziamento particolare, infine, all’avvocato Giuliano Pisapia, che assiste la Federazione nazionale della Stampa italiana e l’Associazione Lombarda dei Giornalisti».

Anche l’avvocato Pisapia esprime «grande soddisfazione» per il riconoscimento quale parte civile di Federazione nazionale della Stampa italiana e Associazione Lombarda dei Giornalisti: «Nel corso del dibattimento – afferma – daremo il nostro contributo, senza alcun pregiudizio, per l’accertamento della verità e per l’individuazione dei responsabili della tragica morte di Andrea Rocchelli».

Trackback dal tuo sito.

Premio Morrione

Premio Morrione Finanzia la realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale. Si rivolge a giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell’informazione.

leggi

Narcomafie

La rivista, realizzata in collaborazione con l’associazione Libera, è stata fondata nel febbraio del 1993, all’indomani delle stragi di Capaci e di via D’Amelio

Vai

Articolo 21

Articolo 21: giornalisti, giuristi, economisti che si propongono di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero (oggetto dell’Articolo 21 della Costituzione italiana da cui il nome).

Vai

I link