Liberainformazione Rosolini, stop incontro studenti con Borrometi | Liberainformazione

NEWS

Rosolini, stop incontro studenti con Borrometi

Fnsi il . Sicilia

paolo-borrometiLa disdetta dell’incontro con Paolo Borrometi in una scuola a Rosolini, a pochi chilometri da Pachino (luogo in cui i boss avevano organizzato l’attentato ai danni del giornalista e della sua scorta scoperto dalla Polizia e dalla Procura Distrettuale Antimafia di Catania), al di là delle intenzioni, è un segnale bruttissimo che ci preoccupa e ci angoscia». È quanto affermano il segretario generale e il presidente della Fnsi, Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti, in relazione alle preoccupazioni espresse dal preside dell’Istituto superiore della cittadina in provincia di Siracusa che avrebbe dovuto ospitare l’iniziativa.

«C’è il rischio – proseguono – che tali atteggiamenti vengano presi come segnali di paura e coinvolgano le comunità, dando inevitabilmente segnali di debolezza a chi vorrebbe tapparci la bocca. In momenti come questi, invece, si dovrebbe fare tutti squadra ed organizzare numerose manifestazioni per far comprendere che non abbiamo paura di chi vorrebbe morto Paolo, per di più con un attentato dalle modalità degli anni bui delle bombe».

A questo punto, concludono Lorusso e Giulietti, «che non sia più la scuola ad organizzare l’incontro, ma che siano il Comune di Rosolini e le associazioni del territorio, ad iniziare ovviamente da Libera, a promuovere un evento pubblico in piazza in cui Borrometi possa spiegare le sue inchieste con nomi e cognomi, ad iniziare dai boss che lo volevano morto».

Sulla vicenda si registra anche l’intervento del presidente e del vicepresidente dell’Unci, Alessandro Galimberti e Leone Zingales, per i quali «la decisione del preside non sembra ben ponderata. Anche a prescindere dalla valutazione dell’efficacia del sistema di sicurezza predisposto dal ministero, che di tutta evidenza non spetta al dirigente scolastico, l’effetto dell’oscuramento della voce di Borrometi va nella direzione desiderata da chi lo vuole zittire per sempre. Al contrario riteniamo che la sottocultura mafiosa vada combattuta proprio con la diffusione della voce di chi dimostra ogni giorno che violenza e sopruso possono essere sconfitte dall’adesione diffusa alla legalità. E questo percorso non può che iniziare nelle scuole».

PER APPRONFONDIRE
A questo link la notizia dell’incontro cancellato.

Minacce a Borrometi, iniziato a Siracusa processo a Francesco De Carolis

Trackback dal tuo sito.

Premio Morrione

Premio Morrione Finanzia la realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale. Si rivolge a giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell’informazione.

leggi

Narcomafie

La rivista, realizzata in collaborazione con l’associazione Libera, è stata fondata nel febbraio del 1993, all’indomani delle stragi di Capaci e di via D’Amelio

Vai

Articolo 21

Articolo 21: giornalisti, giuristi, economisti che si propongono di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero (oggetto dell’Articolo 21 della Costituzione italiana da cui il nome).

Vai

I link