NEWS

Altri quattro comuni sciolti per mafia

Avviso Pubblico il . Istituzioni

la-mania-in-comuneIl Consiglio dei ministri, nella seduta dell’8 maggio scorso, ha deliberato lo scioglimento per infiltrazioni della criminalità organizzata di altri quattro comuni:

  • Surbo (Lecce, già sciolto nel 1991);
  • San Gregorio D’Ippona (Vibo Valentia, già sciolto nel 2007);
  • Trecastagni (Catania);
  • Briatico (Vibo Valentia, già sciolto nel 2003 e nel 2012).

Si tratta del sedicesimo scioglimento deliberato dal Governo nei primi mesi del 2018, che fanno seguito ai 21 scioglimenti decisi lo scorso anno.
Negli ultimi 5 anni sono state 78 le Amministrazioni locali sciolte per infiltrazioni mafiose, di cui 37 nella sola Calabria.

Avviso Pubblico ha predisposto un’apposita sezione dedicata a questo tema, che contiene anche alcune mappe interattive, riferite sia all’intero territorio nazionale che alle 4 regioni maggiormente coinvolte: Campania e Calabria (107 scioglimenti cadauna), Sicilia e Puglia; una mappa riguarda le 58 Amministrazioni coinvolte più volte nella procedura di verifica delle infiltrazioni mafiose (tutte concentrate nel Centro sud).

Per ciascun ente sono visualizzabili le informazioni relative ai singoli decreti di commissariamento ed archiviazione. I grafici e i dati statistici riassuntivi evidenziano l’evoluzione nel tempo delle decisioni assunte dal Governo, la distribuzione territoriale dei decreti di scioglimento e le dimensioni territoriali dei comuni coinvolti.

Sull’Osservatorio di Avviso Pubblico sono altresì disponibili le sintesi delle ultime relazioni presentate dal Governo e la Relazione conclusiva della Commissione antimafia sul fenomeno delle amministrazioni sciolte per infiltrazioni mafiose.

Sciolti altri 5 Comuni per infiltrazioni mafiose

Trackback dal tuo sito.

Premio Morrione

Premio Morrione Finanzia la realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale. Si rivolge a giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell’informazione.

leggi

Narcomafie

La rivista, realizzata in collaborazione con l’associazione Libera, è stata fondata nel febbraio del 1993, all’indomani delle stragi di Capaci e di via D’Amelio

Vai

Articolo 21

Articolo 21: giornalisti, giuristi, economisti che si propongono di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero (oggetto dell’Articolo 21 della Costituzione italiana da cui il nome).

Vai

I link