NEWS

Luigi Ciotti : “L’immigrazione non è reato perché non è reato la speranza”

Redazione il . Migranti

#nonèreato«Non è reato l’immigrazione perché non è reato la speranza. La speranza è un diritto, ma è anche l’orizzonte di una politica seriamente impegnata nella promozione del bene comune. Oggi ci troviamo invece a fare i conti con un sistema che garantisce il privilegio di pochi e toglie la speranza a tutti gli altri. Ma le speranze negate oggi sono le stesse che hanno ispirato la nostra Costituzione, la Dichiarazione universali dei diritti umani, la Convenzione sui rifugiati del ‘51 e tutte quelle carte che si sono solennemente impegnate a eliminare la guerra, l’odio, la povertà, le ingiustizie. Abbiamo tradito i nostri impegni e le nostre radici, e da quelle dobbiamo umilmente ripartire se non vogliamo perdere, oltre che la speranza, la dignità». Così don Luigi Ciotti , presidente Libera e Gruppo Abele in merito alla manifestazione contro il razzismo promossa da Associazioni e Ong che si è svolta a Roma sabato 21 ottobre.

«Dalla politica ci aspettiamo lungimiranza, coraggio di guardare oltre le contingenze, gli opportunismi, i populismi. Temi come l’immigrazione sono questioni di civiltà, non materia di sondaggi e previsioni elettorali. Ben venga allora l’impegno per lo ius soli e lo ius culturae, o quello di smantellare i più grandi tra i cosiddetti “Cara” e realizzare strutture più piccole, accoglienti e dignitose. Ma alle parole seguano i fatti- prosegue Don Luigi Ciotti- e i fatti testimonino un reale cambiamento di marcia e di prospettiva, non accordi indecenti con regimi a cui delegare il contenimento dell’immigrazione, Paesi dove non esiste il rispetto dei diritti umani e dove il dissenso e la diversità vengono repressi con la violenza e la tortura».

<<La distinzione fra rifugiati e migranti economici è un esercizio retorico e ipocrita perché è sempre più evidente il nesso tra le guerre e gli interessi economici. Si combatte per il possesso di preziose materie prime come il petrolio, si combatterà, se non cambiano le cose, anche per quello di beni essenziali come l’acqua. Per non parlare di come le guerre fanno da volano per la produzione e il commercio di armi. Ma è l’economia stessa, ormai, a essere diventata uno strumento di guerra. E il nemico è il più incolpevole e indifeso dei popoli: i poveri. Solo ridando dignità ai poveri, ai migranti, agli esclusi – cioè lavoro, diritti, responsabilità – possiamo costruire un futuro di pace e di benessere».

Roma, 21 ottobre#nonèreato

Don Luigi Ciotti: “Il 60% dei poveri in Italia è escluso dal reddito di inclusione”

Trackback dal tuo sito.

Premio Morrione

Premio Morrione Finanzia la realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale. Si rivolge a giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell’informazione.

leggi

Narcomafie

La rivista, realizzata in collaborazione con l’associazione Libera, è stata fondata nel febbraio del 1993, all’indomani delle stragi di Capaci e di via D’Amelio

Vai

Articolo 21

Articolo 21: giornalisti, giuristi, economisti che si propongono di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero (oggetto dell’Articolo 21 della Costituzione italiana da cui il nome).

Vai

I link