NEWS

Signor Graviano, lei è un bugiardo

Gregorio Porcaro e Giuseppe Carini il . Sicilia

graviano 2017Signor Graviano,

abbiamo letto sul quotidiano La Repubblica dei suoi insulti nei confronti di don Pino Puglisi barbaramente ucciso, per la sua fedeltà a Cristo e all’Uomo, da un commando di killer in nome e per suo conto la sera del 15 settembre 1993.

Don Puglisi non insultava né tanto meno offendeva nessuno. Amava la gente di Brancaccio e il suo amore era fedelmente ricambiato.

Noi non la insultereremo, non pronunceremo alcuna parola offensiva contro di lei, nessuna calunnia. Pregheremo, invece, per lei e la sua famiglia perché questo è ciò che abbiamo imparato da 3P: annunciare la Parola del Padre Nostro anche, e soprattutto, a coloro che ti odiano.

Questa è la grande lezione di don Puglisi, questa è la nostra risposta alle sue bugie.

Lei è un bugiardo che non ha neanche il coraggio di ammettere di avere ordinato l’omicidio di don Puglisi. Non speri, signor Graviano, nelle sue relazioni con politici – massoni deviati per sfuggire alla condanna dell’ergastolo inflittagli dal tribunale. Lei, al pari del detenuto Riina, resterà detenuto in carcere ma, tutti coloro che hanno amato e conosciuto padre Puglisi, pregheranno affinché lei si converta a Dio e trovi il coraggio di collaborare pienamente con la magistratura.

E se durante le sue notti in cella dovesse sentirsi un uomo solo sappia che lì accanto a lei troverà don Puglisi pronto ad ascoltarla. Questo è quanto le dovevamo.

Gregorio Porcaro, già vice parroco di don Giuseppe Puglisi a Brancaccio e oggi referente regionale di Libera Sicilia, e Giuseppe Carini, testimone di giustizia e amico di don Puglisi

Trackback dal tuo sito.

Premio Morrione

Premio Morrione Finanzia la realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale. Si rivolge a giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell’informazione.

leggi

Narcomafie

La rivista, realizzata in collaborazione con l’associazione Libera, è stata fondata nel febbraio del 1993, all’indomani delle stragi di Capaci e di via D’Amelio

Vai

Articolo 21

Articolo 21: giornalisti, giuristi, economisti che si propongono di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero (oggetto dell’Articolo 21 della Costituzione italiana da cui il nome).

Vai

I link