NEWS

Common, scuola di anticorruzione civica

Gruppo Abele il . Brevi, Piemonte

scommonQuando e dove
Si terrà da giovedì 22 a domenica 25 giugno 2017, alla Certosa 1515 del Gruppo Abele, presso Avigliana (TO). Alla sua seconda edizione, la Scuola Common è organizzata da Gruppo Abele e Libera e dal Master APC dell’Università di Pisa, quest’anno con il supporto delle associazioni Cittadini reattivi e Ondata. La scuola forma a un metodo di intervento per fare anticorruzione dal basso: la “bussola Common”. Guidati dalla bussola, dieci sono i passi che ci accompagneranno a costruire le comunità monitoranti, per tenere lontana la cosa pubblica da corrotti e corruttori attraverso il controllo diffuso e presidiare i territori delegittimando la presenza mafiosa.
*La bussola Common è stata elaborata all’interno del manuale di Leonardo Ferrante e Alberto Vannucci, Anticorruzione Pop. È semplice combattere il malaffare se sai come farlo, Edizioni Gruppo Abele, disponibile da giugno 2017.

Perché iscriversi
Illuminare, vigilare, partecipare. L’edizione 2017 della Scuola è orientata a concretizzare queste tre forme d’azione su due temi chiave, aprendosi a tutte le comunità e le persone che vogliono spendersi su:
> la trasparenza dei beni confiscati, forti del progetto Confiscati bene 2.0, in partnership con Ondata
> L’integrità del mondo della salute/ambiente, grazie all’impegno di Illuminiamo la Salute e Cittadini Reattivi

Perché scuola “Common”
Scuola Common come casa di quei cittadini che vogliono unirsi per dare forma e contenuti a pratiche, strategie e realtà di prevenzione civica del malaffare attraverso le comunità monitoranti, di cui “com.mon.” è appunto acronimo.
Scuola Common come tutela dei beni comuni e dell’integrità delle istituzioni, luogo dove progettare quelle tecniche e quegli strumenti in grado di preservarli concretamente e attivamente dagli abusi della corruzione. Durante la presente edizione, lavoreremo su due temi: beni confiscati e mondo della salute/ambiente.
Scuola Common come “creative commons” e come “cummunitas”: condivisione libera di conoscenze e spazio dello scambio trasparente di saperi e pratiche. Incontri frontali, laboratori, lavori di gruppo, tavole rotonde e confronti aperti saranno le metodologie impiegate durante i quattro giorni di formazione.
Scuola Common come “common people”, come azione di persone comuni, perché il fine è fare in modo che gli onesti mettano insieme le loro forze per divenire molti più dei corrotti e dei corruttori, e soprattutto più determinati e consapevoli della propria forza morale. Ecco perché la scuola è aperta a tutte e tutti. Il programma Durante la scuola, grazie al contributo di relatori esperti, facilitatori, docenti universitari e attivisti, i partecipanti percorreranno i dieci passi della bussola Common apprendendo la teoria di riferimento e la metodologia della cittadinanza monitorante.

Tra i relatori: don Luigi Ciotti, Rosy Battaglia, Massimo di Rienzo, Leonardo Ferrante, Alberto Vannucci, lo staff di Cittadini reattivi e Ondata, attivisti di Foia4Italy, formatori di Avviso Pubblico e operatori di Illuminiamo la salute.

Può partecipare anche chiunque voglia apprendere il metodo della Bussola Common e replicarlo su altri temi. La scuola è gratuita per gli aderenti a Libera e al Gruppo Abele, gli studenti del Master APC e i membri di comunità monitoranti. Ha un costo di 200 euro per altri uditori. Il numero massimo di iscrizioni è per 100 posti. L’iscrizione è obbligatoria. Per iscriversi, è necessario compilare il modulo online presente a questo link (entro il 28 maggio).

L’Associazione Gruppo Abele Onlus è ente accreditato per la formazione presso il MIUR, per cui la
partecipazione al corso formativo dà diritto ai crediti formativi per insegnanti. Questi seminari
rientrano tra le possibilità previste per l’utilizzo del Bonus di 500 euro introdotto dalla legge
107/2015 “Buona Scuola”.

cartadeldocente Il corso è accreditato per la Carta del Docente

Scarica il programma provvisorio

Trackback dal tuo sito.

Premio Morrione

Premio Morrione Finanzia la realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale. Si rivolge a giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell’informazione.

leggi

Narcomafie

La rivista, realizzata in collaborazione con l’associazione Libera, è stata fondata nel febbraio del 1993, all’indomani delle stragi di Capaci e di via D’Amelio

Vai

Articolo 21

Articolo 21: giornalisti, giuristi, economisti che si propongono di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero (oggetto dell’Articolo 21 della Costituzione italiana da cui il nome).

Vai

I link