NEWS

Sconfiggere le mafie è possibile

Avviso Pubblico il . Istituzioni

mafiaDa tempo come Avviso Pubblico, Libera, Legambiente, Cgil, Cisl e Uil, abbiamo lanciato un Appello attraverso il quale chiediamo al Governo e al Parlamento l’approvazione di alcuni importanti provvedimenti in materia di prevenzione e contrasto alle mafie e alla corruzione.
Tra questi c’era anche il provvedimento che istituisce il 21 marzo quale Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo di tutte le vittime innocenti delle mafie, che finalmente l’1 marzo scorso la Camera dei deputati ha approvato ed è diventata legge.
Non possiamo fermarci qui però. E’ necessario che vengano al più presto approvate anche le altre misure riguardanti gli amministratori locali minacciati e intimiditi, la riforma della prescrizione, quella dei testimoni di giustizia, quella sul gioco d’azzardo e la riforma del Codice Antimafia.
Per questo ieri eravamo in piazza delle Cinque Lune al presidio organizzato dalla Cgil per chiedere l’immediata approvazione del Codice Antimafia e delle altre proposte sopra citate.
Sconfiggere le mafie è possibile e il riutilizzo sociale dei beni confiscati è uno dei punti dal quale partire, come dimostra questo video realizzato da Avviso Pubblico che fornisce, grazie alla collaborazione del Sindaco di Casal di Principe Renato Natale e alle interviste dei responsabili dei beni confiscati, una testimonianza precisa del valore di queste iniziative.

Le schede dell’appello

Trackback dal tuo sito.

Premio Morrione

Premio Morrione Finanzia la realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale. Si rivolge a giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell’informazione.

leggi

Narcomafie

La rivista, realizzata in collaborazione con l’associazione Libera, è stata fondata nel febbraio del 1993, all’indomani delle stragi di Capaci e di via D’Amelio

Vai

Articolo 21

Articolo 21: giornalisti, giuristi, economisti che si propongono di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero (oggetto dell’Articolo 21 della Costituzione italiana da cui il nome).

Vai

I link