NEWS

La legalità a tavola

Redazione il . Piemonte

cibo-680x365_cSi è tenuta a Torino dal 23 al 25 febbraio la seconda edizione del Festival del Giornalismo Alimentare
Il programma si è articolato in due giorni di incontri, dibattiti, tavole rotonde, più una terza giornata “esperienziale” dedicata ai soli giornalisti.
I temi trattati sono stati i più vari: dall’informazione nutrizionale alle agromafie, dagli sprechi alal refezione scolastica. Ma anche più specificamente il ruolo dei mass media nel comunicare il cibo, la deontologia professionale dei giornalisti in campo alimentare, il lavoro e il ruolo dei food blogger, i pericoli dei social network, la nuova vita della critica gastronomica.
A dibattere di questi temi sono stati giornalisti, food blogger, conduttori televisivi e radiofonici, esperti e manager di grandi aziende.
A Libera Informazione è stata affidata la gestione di uno dei panel del Festival, nel pomeriggio di giovedì 23 febbraio, in cui si è parlato di informazione e prevenzione, di contrasto alle agromafie e sui reati alimentari: “La criminalità a tavola. Giornalisti, istituzioni e cittadini di fronte ai reati alimentari e alle agromafie”.
Sono intervenuti Enrico Bellavia (La Repubblica), Michele Riccardi (Transcrime, Università Cattolica Sacro Cuore Milano), Costantino Meloni (Nucleo anti contraffazione carabinieri), Elena Bozzetta (Istituto Zooprofilattico Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta).

Qui una sintesi degli interventi

Qui il programma del Festival

Qui il video promozionale del Festival

 

Trackback dal tuo sito.

Premio Morrione

Premio Morrione Finanzia la realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale. Si rivolge a giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell’informazione.

leggi

Narcomafie

La rivista, realizzata in collaborazione con l’associazione Libera, è stata fondata nel febbraio del 1993, all’indomani delle stragi di Capaci e di via D’Amelio

Vai

Articolo 21

Articolo 21: giornalisti, giuristi, economisti che si propongono di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero (oggetto dell’Articolo 21 della Costituzione italiana da cui il nome).

Vai

I link