NEWS

In 150mila a Firenze con Libera

di Gaetano Liardo il . Progetti e iniziative, Toscana

Sono tantissimi, numerosi e coloratissimi. Sono e facce di un pezzo d’Italia che dice no alle mafie. L’appuntamento è alla Fortezza da basso, nel cuore di Firenze. Ad aprire il corteo i familiari delle vittime innocenti della violenza mafiosa, protetti da un cordone di scout, attenti a che il tutto possa svolgersi ordinatamente. Dietro i gonfaloni di Comuni e Province accorsi da tutto il Paese. C’è il Giglio di Firenze, la città che ospita la XVIII Giornata della memoria e dell’impegno. Subito vicino il gonfalone del Comune di Polistena, cittadina della Piana di Gioia Tauro. Sventolano i labari di Napoli, Torino, Chiasso, Certaldo, Niscemi. Il gonfalone della Provincia di Catania fa lo slalom tra le scolaresche.

Dietro i tanti sindaci, presidenti e consiglieri, testimoni dell’impegno di una politica radicata nel territorio contro le mafie, ecco le numerose associazioni. Ci sono i sindacati, le associazioni studentesche. Le donne della Cisl portano uno striscione che recita “Non contare, inizia a camminare”. Vicino a loro il Comitato don Peppino Diana di Caserta, con i tanti volontari di Libera. Subito dietro i ragazzi dell’Unione degli studenti ballano al ritmo dei Sud Sound Sistem: “Simmu salentini, di lu mundu cittadini”.

Gli scout dell’Agesci sorreggono la bandierona della Pace, quella della marcia Perugia-Assisi, la porteranno fino allo Stadio Franchi. Il corteo si muove, lungo, allegro, composto. C’è la “banda degli sfiatati” che fa ballare gli studenti di Salerno. Ci sono i volontari della Croce Viola, in tuta arancione a dare la propria testimonianza. Gli insegnanti della Flc Cgil di Firenze portano lo striscione con impressa una frase di Gesualdo Bufalino: “Per sconfiggere la mafia serve un esercito di maestri elementari”.

Firenze è curiosa. Lungo via Venti settembre sono tanti i passanti che si uniscono al corteo. Tanti applaudono, i balconi, nonostante il freddo, sono spalancati. La memoria corre al 27 maggio 1993 quando un’autobomba piombò il capoluogo toscano nel centro dell’attacco mafioso contro lo Stato. Fu strage, quella di via dei Georgofili, di cui quest’anno si commemora il ventennale. Lungo il tragitto vigili, poliziotti, carabinieri, guardano soddisfatti non nascondendo la commozione per i tanti colleghi morti nella lotta contro i boss.

Una vigilessa si allontana un attimo dalla sua postazione. Va ad abbracciare la figlia adolescente che partecipa al corteo. Tanti gesti di semplicità, quella necessaria per imporre la legalità contro la violenza mafiosa.

Intanto,lentamente,il corteo raggiunge lo Stadio Artemio Franchi. Inizia la lettura dei nomi…

 

Trackback dal tuo sito.

Premio Morrione

Premio Morrione Finanzia la realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale. Si rivolge a giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell’informazione.

leggi

Narcomafie

La rivista, realizzata in collaborazione con l’associazione Libera, è stata fondata nel febbraio del 1993, all’indomani delle stragi di Capaci e di via D’Amelio

Vai

Articolo 21

Articolo 21: giornalisti, giuristi, economisti che si propongono di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero (oggetto dell’Articolo 21 della Costituzione italiana da cui il nome).

Vai

I link