NEWS

Condannato per aver detto la verità

Di redazione il . Basilicata

Il tenente della Polizia provinciale di Potenza, Giuseppe Di Bello è stato condannato in primo grado per aver diffuso i dati relativi all’inquinamento delle acque del Pertusillo: un lago artificiale tra i comuni di Grumento nova, Spinoso e Montemurro, in provincia di Potenza. Il suo “complice”, il segretario regionale della Basilicata dei Radicali italiani e giornalista pubblicista Maurizio Bolognetti, è stato rinviato a giudizio per aver violato la legge in concorso con il pubblico ufficiale. Il reato? Rivelazione e utilizzazione di segreti d’ufficio
La domanda – come avrebbe detto qualcuno – nasce spontanea: è più importante il mantenimento del segreto su atti d’ufficio o la sicurezza e la salute delle persone? Per il giudice del Tribunale di Potenza Tiziana Michela Petrocelli, è più grave che si siano rese pubbliche quelle carte. Dati che prima dell’intervento dei due “delinquenti” erano accuratamenti conservati nei cassetti dell’Arpab: l’Agenzia regionale per l’ambiente della Basilicata. E così chi ha divulgato i dati sull’inquinamento di un invaso che fornisce acqua ad uso umano è stato condannato mentre i responsabili della contaminazione delle acque vivono indisturbati.
Ma Bolognetti e Di Bello non ci stanno e annunciano ricorsi e battaglie legali.
“Francamente trovo paradossale – ha commentato Bolognetti – che in tutta questa vicenda gli unici ad essere sotto processo siano coloro che hanno denunciato l’inquinamento. ritengo di aver fatto il mio dovere di cittadino, dando concreta applicazione all’art. 5 comma c della Convenzione di Aarhus e all’art. 3 Ter del D.Lgs 4/2008. E voglio anche aggiungere che il Tenente di Bello avrebbe meritato un encomio e non un trasferimento”. Il tenente, infatti, dopo due mesi di sospensione dal servizio (e dallo stipendio che successivamente gli è stato reintegrato) è stato trasferito nella biblioteca provinciale di Potenza.
“Non c’è limite alla vergogna – ha dichiarato Di Bello – dopo due anni e mezzo di indagini il Tribunale di Potenza si è limitato a condannare chi ha reso pubblici i dati sull’inquinamento e non ha alzato un dito contro chi, da tempo, sta inquinando le acque di quell’invaso”. A confermare la non purezza di quelle acque, è intervenuto anche l’Istituto Superiore di Sanità  che ha affermato: “il Pertusillo è un lago indubitabilmente eutrofizzato”.
Dopo due anni e mezzo è fatto non più soggetto a smentite che le “criticità” sulla rete di depurazione e le residue attività agricole abbiano inciso sulla qualità delle acque. Si discute ancora, invece, di una possibile incidenza sull’invaso delle attività di coltivazione ed estrazione di idrocarburi. A pochi chilometri dall’invaso, infatti, le multinazionali del petrolio effettuano quotidianmente trivellazioni ed estrazioni di greggio.
“In Basilicata si continua a consentire trivellazioni in prossimità di invasi, sorgenti, importanti bacini idrici e in zone ad altissimo rischio sismico – ha denunciato il segretario regionale dei Radicali – ma ora che potrò portare la discussione in un’aula di tribunale – ha detto Bolognetti  – magari sarà la volta buona per poter far chiarezza su depuratori, trivelle, scarichi fognari e su un folle non-governo del territorio”. La condanna per Di Bello e il rinvio a giudizio di Bolognetti hanno suscitato profonda indignazione nella società civile. Tantissimi gli attestati di solidarietà ai due cittadini lucani. 
Tra questi il commento di Libera: “A Bolognetti e Di Bello – ha detto don Marcello Cozzi dell’ufficio di presidenza – non esprimo la solidarietà ma i miei complimenti. Devono sentirsi onorati per come hanno agito e per la sentenza che hanno ricevuto su un tema così delicato e che riguarda la salute dei cittadini. La verità giudiziaria – ha aggiunto don Cozzi – non sempre coincide con la verità dei fatti. A noi sta più a cuore la verità dei fatti e se questa non coincide con quella proclamata dai Tribunali, pazienza. Le battaglie si fanno lo stesso. Perchè sono battaglie per il benessere della gente che vanno oltre le carte e le ‘scartoffie’. E vanno oltre quel concetto di ‘giustizia’ che a volte non guarda in faccia al benessere delle persone. I nostri complimenti a Di Bello e Bolognetti perchè hanno intrapreso l’unica strada da seguire per costruire qualcosa e se questo significa disobbedienza civile – ha concluso – noi disobbediamo con loro”.
Per la referente di Libera in Basilicata Anna Maria Palermo “Sarebbe davvero un segnale negativo e di allarme sociale se da questa vicenda passasse il messaggio che è meglio farsi gli affari propri e far finta di non vedere e non sapere anche quando si tratta di conoscenze che potrebbero mettere in pericolo la salute dei cittadini”. “Complimenti e sostegno a Bolognetti e Di Bello – ha aggiunto Palermo – e soprattuto, a nome di tutta la comunità lucana, esprimo un sincero ringraziamento per il loro agire nell’interesse esclusivo del nostro benessere”.
 

Trackback dal tuo sito.

Premio Morrione

Premio Morrione Finanzia la realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale. Si rivolge a giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell’informazione.

leggi

Narcomafie

La rivista, realizzata in collaborazione con l’associazione Libera, è stata fondata nel febbraio del 1993, all’indomani delle stragi di Capaci e di via D’Amelio

Vai

Articolo 21

Articolo 21: giornalisti, giuristi, economisti che si propongono di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero (oggetto dell’Articolo 21 della Costituzione italiana da cui il nome).

Vai

I link