NEWS

Libera: siamo vicini a Don Marcello Cozzi

Di Libera.it il . Basilicata

Le notizie pubblicate dalla stampa locale confermano che, come più volte ribadito da Libera Basilicata, la cosca dei Basilischi si è mossa, in questa regione, come una vera organizzazione mafiosa, senza risparmiarsi nell’uso delle armi e in tutte quelle attività proprie dell’agire mafioso: dall’estorsione all’intimidazione, dalla corruzione alla collusione, ai vischiosi rapporti con la politica. La storia del povero Tiziano Fusilli, ucciso per dare “l’esempio” e dimostrare il livello di ferocia dell’organizzazione che cercava di accreditarsi nel panorama meridionale delle mafie che contano, è emblematica. Non può essere presa sotto gamba l’idea, altrettanto mafiosa, di “attenzionare” coloro che in prima persona e quotidianamente si battono contro il sistema mafioso e criminale, attraverso la costruzione di quella rete di persone e associazioni che costituisce l’ossatura di Libera, un concreto e resistente argine alla mafia. Come Libera Basilicata siamo molto preoccupati delle notizie di questi giorni sulla rivelazione che esponenti della malavita locale volevano l’eliminazione fisica di don Marcello Cozzi e non possiamo non ricollegare questo disegno criminale all’episodio intimidatorio di due anni fa, quando gli vennero recapitati due proiettili in busta chiusa.

Nel ricordare che è in corso un procedimento contro i Basilischi nel quale don Cozzi è parte offesa, ci chiediamo come mai, a fronte di queste dichiarazioni, non si sia ritenuto opportuno avvisare il diretto interessato e, soprattutto, non si sia provveduto ad attivare forme di protezione in sua tutela. Auspichiamo che, in tempi brevi, le autorità competenti adottino le azioni che riterranno più opportune per salvaguardare l’incolumità di chiunque si trovi nel mirino delle organizzazioni criminali. Libera è unita intorno a don Marcello e non si lascerà intimidire da nessuno.

Trackback dal tuo sito.

Premio Morrione

Premio Morrione Finanzia la realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale. Si rivolge a giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell’informazione.

leggi

Narcomafie

La rivista, realizzata in collaborazione con l’associazione Libera, è stata fondata nel febbraio del 1993, all’indomani delle stragi di Capaci e di via D’Amelio

Vai

Articolo 21

Articolo 21: giornalisti, giuristi, economisti che si propongono di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero (oggetto dell’Articolo 21 della Costituzione italiana da cui il nome).

Vai

I link