NEWS

Attentato sospetto a Pesaro. Le autorità giudiziarie indagano. Tra le piste, anche quella della criminalità organizzata.

Di Silvia Balducci il . Dai territori, Marche

Sette proiettili ed una bomba. Un avvertimento chiaro e senza precedenti nella notte di venerdì ai danni di Franco Signoretti, 52 anni, titolare della Xanitalia. Sette colpi sparati da una calibro 6.62 tra l’ una e le due di notte, due sul portone di casa e cinque sul fuoristrada Mercedes. Poco dopo un ordigno è esploso nella palazzina che ospita la sede amministrativa e l’ ufficio di presidenza della Xanitalia, nella zona industriale della città.  Due attentati eseguiti secondo i clichè tipici delle criminalità organizzate, mandano un solo messaggio, inequivocabile.  Si tratta del primo episodio  per una città che non è mai stata terreno fertile del racket e gli inquirenti  in questi giorni indagano per scoprire l’identità dei mandanti.

 

La pista seguita dai carabinieri del reparto operativo di Pesaro è la vendetta personale. Qualche cliente, creditore o affarista con cui Signoretti avrebbe avuto contatti di lavoro. La Xanitalia, azienda  che produce per conto terzi prodotti di cosmesi (cere e accessori per la depilazione) ha partner commerciali dislocati in tutta Italia e nel mondo. Il 42% della produzione finisce sul mercato nazionale, il resto all’estero, di cui il 17% fuori Europa.

 

L’ unità operativa, coordinata dal sostituto procuratore, Massimo di Patria, esclude categoricamente  che si possa trattare di racket o pizzo. Questo fenomeno sembrerebbe non esistere a Pesaro. Non è affatto escluso invece che i mandanti siano legati alla criminalità organizzata. Al vaglio degli inquirenti anche la gestione degli affari del titolare Franco Signoretti, le sue relazioni con il Sud della Penisola e con il mercato estero. Sono più d’una le piste seguite dagli inquirenti in questi primi giorni d’ indagine ma resta un dato certo: il duplice attentato non ha precedenti nella zona e le modalità non sono affatto quelle tipiche di una vendetta personale.

 

Il prefetto di Pesaro e Urbino, Luigi Riccio ha già ordinato misure di protezione a favore del titolare di Xanitalia. Polizia, carabinieri e guardia di finanza si alternano nel pattugliare “no stop” l’abitazione di Franco Signoretti, al fine di garantirne l’incolumità. Una protezione che solitamente si predispone per chi si sospetta esser vittima di ritorsioni e violenze ad opera della criminalità organizzata.   

Trackback dal tuo sito.

Premio Morrione

Premio Morrione Finanzia la realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale. Si rivolge a giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell’informazione.

leggi

Narcomafie

La rivista, realizzata in collaborazione con l’associazione Libera, è stata fondata nel febbraio del 1993, all’indomani delle stragi di Capaci e di via D’Amelio

Vai

Articolo 21

Articolo 21: giornalisti, giuristi, economisti che si propongono di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero (oggetto dell’Articolo 21 della Costituzione italiana da cui il nome).

Vai

I link